Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Psicologia moderna e antica > Sogni

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 17-06-2009, 19.42.11   #1
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito Nel mondo delle macchine

Ero in un mondo governato dalle macchine e gli esseri umani tenuti in una realtà fittizia, in un misto fra matrix e the thruman show. In pratica il mondo conosciuto non era altro che un misero paesino di pochi abitanti, mentre le vallate e i monti tutto intorno erano ologrammi che cammuffavano quello che realmente c'era dietro. Gli uomini vivevano felici in quella specie di set cinematografico pensando che fosse il mondo reale.

Io mi ero accorto dell'inganno, e così a casa mia gli ologrammi avevano smesso di funzionare e potevo vedere realmente quello che c'era "oltre" il mio confine. Per non farmi scoprire però dalle macchine avevo ricreato un'illusione simile, ma non avendo le conoscenze tecniche per ricreare dietro la mia proprietà degli ologrammi, mi ero costruito degli enromi cartelloni sui quali avevo disegnato l'orizzonte e le vallate.

Nel sogno arriva una donna (in realtà un cyborg, una macchina, almeno così io la percepivo) e io vedo il sogno dagli occhi di lei. Quando arriva nei pressi di casa mia si accorge dell'inganno, il blu con cui avevo dipinto il cielo sui cartelloni era più chiaro rispetto al blu che gli altri ologrammi producevano tutto intorno, e così sempre dagli occhi di lei, vedo me stesso che, scoperto, inizio a scappare.

Lei allora inizia a inseguirmi dicendomi "Svegliati.... svegliati!", e a quel punto dagli occhi di lei passo a vivere il sogno dai miei. Scappo mentre la donna continua a dirmi amorevolmente "Svegliati" (sembrava sincera) e mi rincorre per la stradina del paese.

Quando mi sono svegliato ho avuto però l'impressione che quella donna non avesse cattive intenzioni, e volesse aiutarmi davvero. Ma era una macchina, un cyborg, e voleva farmi ricadere nell'illusione... o forse no? Ho pensato subito alla mia anima, ma poi ha iniziato a farsi strada in me l'idea che quella donna fosse davvero una macchina, una parte di me che era uscita dalla sua meccanicità e voleva aiutare anche me a fare altrettanto...
Purtroppo ho avuto paura e il sogno è finito.
Kael non è connesso  
Vecchio 17-06-2009, 23.06.08   #2
stella
Organizza eventi
 
L'avatar di stella
 
Data registrazione: 09-04-2006
Messaggi: 2,165
Predefinito

Secondo me questo sogno ti vuole dire che percepisci la realtà intorno a te illusoria tranne le poche persone che conosci bene ma che non vanno oltre la realtà fittizia, mentre tutti gli altri, gli estranei, sono macchine, robot che costruiscono un mondo che percepisci falso e scoprendo il trucco ti sembra di essere a posto però hai paura di venire scoperto e quindi vivi in un certo senso in difesa creando un mondo simile al loro.
La donna che ti dice più volte di svegliarti e dagli occhi della quale tu ti vedi è una specie di ponte tra te e l'altra realtà, la percepisci come pericolosa e cerchi di scappare da lei ma forse ti vuole dire che limitare la tua realtà "reale" a una piccola cerchia di persone è in un certo senso continuare a dormire, se oltre il confine degli ologrammi esiste un mondo forse è ora di allargarsi e scoprirlo al di là degli scenari fittizi....
Questa donna potrebbe essere la coscienza, oppure una persona esterna alla tua cerchia che percepisci "estranea" ma che invece è reale quante te...
Questo almeno mi è venuto quando l'ho letto.
Ciao

stella non è connesso  
Vecchio 18-06-2009, 00.58.32   #3
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Mi viene in mente una cosa: e se quella donna-macchina era obbligata a presentarsi in quel modo, appunto macchina, per farsi riconoscere?

Nel " tuo " mondo quello che ti sei costruito e che hai dipinto con tonalità differenti da quelle " in giro", giustamente per riformulare il contesto secondo canoni ben precisi benchè tu non sia ancora in possesso di quelle facoltà che servono per " generare" da te una realtà simile, chi vuole accedervi si vede necessitato ad assumere una connotazione per farsi riconoscere.
Altrimenti, paradossalmente, potresti non riconoscerlo in quanto è che con i tuoi occhi ( ancora e che racchiudono una certa paura ) che vedi gli altri e non completamente con " altri" occhi.

Ancora, forse ti vedi con i suoi occhi, poichè, da un lato, assapori la scoperta della meccanicità ma allo stesso tempo ne hai paura; paura che cerca, una volta visto tutto ciò, di farti andare lontano, scappando. Se hai paura non integri, però.
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 23-06-2009, 15.36.23   #4
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stella Visualizza messaggio
Secondo me questo sogno ti vuole dire che percepisci la realtà intorno a te illusoria tranne le poche persone che conosci bene ma che non vanno oltre la realtà fittizia, mentre tutti gli altri, gli estranei, sono macchine, robot che costruiscono un mondo che percepisci falso e scoprendo il trucco ti sembra di essere a posto però hai paura di venire scoperto e quindi vivi in un certo senso in difesa creando un mondo simile al loro.
La donna che ti dice più volte di svegliarti e dagli occhi della quale tu ti vedi è una specie di ponte tra te e l'altra realtà, la percepisci come pericolosa e cerchi di scappare da lei ma forse ti vuole dire che limitare la tua realtà "reale" a una piccola cerchia di persone è in un certo senso continuare a dormire, se oltre il confine degli ologrammi esiste un mondo forse è ora di allargarsi e scoprirlo al di là degli scenari fittizi....
Questa donna potrebbe essere la coscienza, oppure una persona esterna alla tua cerchia che percepisci "estranea" ma che invece è reale quante te...
Questo almeno mi è venuto quando l'ho letto.
Ciao
In effetti scoperto l'inganno non faccio nulla per andarmene e conoscere veramente il mondo reale, mi limito a quella realtà e cerco di camuffarmi il meglio possibile fra loro. Una specie di "si, mi sono accorto di cose c'è oltre, ma per il momento sto ancora bene qui... mi basta che gli altri non sappiamo che io so e vivere tranquillo.."

Grazie
Kael non è connesso  
Vecchio 20-07-2009, 12.03.14   #5
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Kael Visualizza messaggio
Ero in un mondo governato dalle macchine e gli esseri umani tenuti in una realtà fittizia, in un misto fra matrix e the thruman show. In pratica il mondo conosciuto non era altro che un misero paesino di pochi abitanti, mentre le vallate e i monti tutto intorno erano ologrammi che cammuffavano quello che realmente c'era dietro. Gli uomini vivevano felici in quella specie di set cinematografico pensando che fosse il mondo reale.

Io mi ero accorto dell'inganno, e così a casa mia gli ologrammi avevano smesso di funzionare e potevo vedere realmente quello che c'era "oltre" il mio confine. Per non farmi scoprire però dalle macchine avevo ricreato un'illusione simile, ma non avendo le conoscenze tecniche per ricreare dietro la mia proprietà degli ologrammi, mi ero costruito degli enromi cartelloni sui quali avevo disegnato l'orizzonte e le vallate.

Nel sogno arriva una donna (in realtà un cyborg, una macchina, almeno così io la percepivo) e io vedo il sogno dagli occhi di lei. Quando arriva nei pressi di casa mia si accorge dell'inganno, il blu con cui avevo dipinto il cielo sui cartelloni era più chiaro rispetto al blu che gli altri ologrammi producevano tutto intorno, e così sempre dagli occhi di lei, vedo me stesso che, scoperto, inizio a scappare.

Lei allora inizia a inseguirmi dicendomi "Svegliati.... svegliati!", e a quel punto dagli occhi di lei passo a vivere il sogno dai miei. Scappo mentre la donna continua a dirmi amorevolmente "Svegliati" (sembrava sincera) e mi rincorre per la stradina del paese.

Quando mi sono svegliato ho avuto però l'impressione che quella donna non avesse cattive intenzioni, e volesse aiutarmi davvero. Ma era una macchina, un cyborg, e voleva farmi ricadere nell'illusione... o forse no? Ho pensato subito alla mia anima, ma poi ha iniziato a farsi strada in me l'idea che quella donna fosse davvero una macchina, una parte di me che era uscita dalla sua meccanicità e voleva aiutare anche me a fare altrettanto...
Purtroppo ho avuto paura e il sogno è finito.

nella prima parte emerge il fatto che ti sei reso conto di una determinata cosa.
ossia della meccanicità nella vita delle persone.
successivamente tenti di uscire da questi schemi ma in realtà ricadi nel giochetto.
la chiave (a mio avviso) sta nel fatto che per andare oltre occorre non avere paura (che invece hai sentendoti "scoperto" dalle macchine) di quella parte di te (anima) che sa benissimo quando fingi e quando non lo fai.

Un abbraccio
stefano non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Dimensioni e Frequenze 'ayn soph Esoterismo 24 22-03-2010 22.28.03
Il valore delle cose nikelise Psicologia moderna e antica 9 30-12-2008 20.03.34
Riforma Universitaria, Diritto allo studio e Ricerca jezebelius Manifestazione pacifica del nostro volere 22 02-11-2008 16.57.03
Moria delle api (l'ape maya in pericolo estinzione?) Grey Owl Ecologia, Altro consumo, Dietrologia etc etc 3 01-04-2008 10.33.08
I pericoli delle cure di sostituzione ormonale Era Benessere fisico 11 30-08-2005 01.41.04


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 06.52.19.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271