Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Giardino Filosofico > Esperienze

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 12-01-2008, 15.14.49   #1
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,526
Predefinito Film e libri

In questo ultimo periodo mi è capitato di osservare una cosa abbastanza sconcertante, che unita al fatto che in questo ultimo periodo faccio una fatica bestia non dico a stare "sveglia" ma a non essere completamente avvolta nel sonno, mi da un quadro da brivido.

Ogni volta che guardo un film, anche che mi piaccia , dopo un po' di tempo, ne ho perso quasi completamente il ricordo.. posso ricordarmi in linea di massima la trama, oppure alcune scene che mi hanno colpita in modo particolare, ma dire che me lo ricordo, non è vero, a meno che non riveda quel film molte volte, allora qualcosa in più rimane impresso.
Lo stesso discorso vale per i libri, mi capita spesso di ripensare a quello che ho letto. Idem come sopra, posso ricordarmi in linea di massima di che parla un libro, e qualche cosa che mi è rimasta particolarmente impressa, poi se lo rileggo, man mano mi torna in mente, ma se dovessi per esempio fare un riassunto di un libro letto 6 mesi fa, o di un film visto, uscirebbe ben poco.

Questo significa che la maggior parte delle cose che passano, delle impressioni, sono inconsce e non consapevoli.. e quindi, quantomeno cercare di scegliere almeno un po' i contenuti di quel che si vede/legge potrebbe in qualche modo limitare le schifezze che si assorbono a favore di ciò che interessa davvero..

Parlo più che altro a me stessa, visto che ho passato tanto tempo a leggere cretinate, e a vedere film horror che oggi quasi non riesco più a guardare..

Se trasporto tutto questo al ricordo di me, al modo in cui vivo le cose di ogni giorno, mi vengono i brividi.
RedWitch non è connesso  
Vecchio 12-01-2008, 15.52.16   #2
cassandra
Cittadino/a Stabile
 
L'avatar di cassandra
 
Data registrazione: 21-06-2007
Messaggi: 624
Predefinito

Capita anche a me RedW,ultimamente però un pochino meno perchè mi sforzo di osservarmi mentre leggo ad esempio e di essere concentrata su quel che guardo o leggo...altre volte mi capita di dovermi ricordare che non faccio parte del cast di un film però, tendendo anche ad immedesimarmi e così facendo partono dispersioni ed anche assorbimenti vari...tutto da brivido concordo
Anch'io ho una passione per gli horror ed anche se è diminuita non ho smesso di guardarli,ciò che ho notato su me è che a volte necessita un sano distacco ed altre invece un vero e proprio esser dentro ciò che stiamo facendo...credo che anche in questo caso ricordarsi di sè è importante affinchè non si perdano pezzi utili, a vantaggio dei più vaghi ed inutili.E' dura praticamente,ma piano piano si migliora,attenzione e concentrazione possono essere ottime alleate
cassandra non è connesso  
Vecchio 12-01-2008, 17.07.20   #3
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Per quanto mi riguarda faccio uno sforzo incredibile, posto che ci riesca, dopo, a portare l'attenzione ad un livello minimo.
Mi capita di " perdermi " in questo periodo e non riesco a bilanciare.
Mi rendo che le forze che inducono inevitabilmente verso il basso sono molto presenti in questo più che in altro.
Non so se sta cosa fa riferimento al mio ( non ) modo di affrontare quel che ho intorno oppure è vera, più pressante e prepotente, questa tendenza al distacco.
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 12-01-2008, 19.52.39   #4
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,614
Predefinito

Io credo che nel ricordo di se sia insito l'interesse. Se manca l'interesse nel fare qualcosa scatta senza appello il centro meccanico, gli automatismi e buonanotte, in tutti i sensi.
Sforzarsi di capire se qualcosa ci interessa davvero farla e perchè, e se proprio dobbiamo cercare di interessarci a noi stessi nel volerla fare.
Questo è quel che ho notato, se mi manca l'interesse nel leggere o in un film e lo faccio tanto per fare, va a finire che le ore passano e non mi ricordo come....
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 12-01-2008, 20.59.58   #5
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,526
Lightbulb

Citazione:
Originalmente inviato da cassandra Visualizza messaggio
Capita anche a me RedW,ultimamente però un pochino meno perchè mi sforzo di osservarmi mentre leggo ad esempio e di essere concentrata su quel che guardo o leggo...
Sì Cassi, concordo, più ci si mette attenzione e concentrazione (e aggiungerei amore in quel che si fa) e meno pezzi si lasciano in giro, pero' il discorso che facevo è proprio sui contenuti che leggo/vedo... ho come l'impressione di non essere ingrado di incamerare più di un tot non so se si capisce.

Citazione:
Originalmente inviato da jezebelius Visualizza messaggio
Per quanto mi riguarda faccio uno sforzo incredibile, posto che ci riesca, dopo, a portare l'attenzione ad un livello minimo.
Mi capita di " perdermi " in questo periodo e non riesco a bilanciare.
Mi rendo che le forze che inducono inevitabilmente verso il basso sono molto presenti in questo più che in altro.
Non so se sta cosa fa riferimento al mio ( non ) modo di affrontare quel che ho intorno oppure è vera, più pressante e prepotente, questa tendenza al distacco.
Capita anche a me Jez si potrebbe aprire un thread a parte su questo

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Io credo che nel ricordo di se sia insito l'interesse. Se manca l'interesse nel fare qualcosa scatta senza appello il centro meccanico, gli automatismi e buonanotte, in tutti i sensi.
Sforzarsi di capire se qualcosa ci interessa davvero farla e perchè, e se proprio dobbiamo cercare di interessarci a noi stessi nel volerla fare.
Questo è quel che ho notato, se mi manca l'interesse nel leggere o in un film e lo faccio tanto per fare, va a finire che le ore passano e non mi ricordo come....
Sì è vero, l'interesse è fondamentale, ma puo' anche essere che inizio a leggere un libro non molto convinta, poi inizia a piacermi e lo "divoro".. il fatto è che ho cercato di pensare anche a film e libri che ho apprezzato.. credo si tratti proprio di una questione di quantità che deve aumentare.. (allo stesso tempo, anche quando l'attenzione cala qualcosa passa lo stesso, anche se non ne abbiamo poi il ricordo cosciente..).
Voi ricordate per intero libri e film che vedete e che vi piacciono?

RedWitch non è connesso  
Vecchio 12-01-2008, 23.47.08   #6
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch
Sì è vero, l'interesse è fondamentale, ma puo' anche essere che inizio a leggere un libro non molto convinta, poi inizia a piacermi e lo "divoro".. il fatto è che ho cercato di pensare anche a film e libri che ho apprezzato.. credo si tratti proprio di una questione di quantità che deve aumentare.. (allo stesso tempo, anche quando l'attenzione cala qualcosa passa lo stesso, anche se non ne abbiamo poi il ricordo cosciente..).
Voi ricordate per intero libri e film che vedete e che vi piacciono?
Ti faccio un esempio: mi è capitato proprio in questi giorni di avere preso per caso in mano un libro che non ricordo quando ho letto, ma di sicuro qualche anno fa. Mi piacciono i libri di avventura, in particolare tutti quelli di Wilbur Smith, e quando ho visto questo non ricordavo il titolo. Ho iniziato a leggere e sono sicura che non mi è nuovo, eppure non mi ricordo più niente. Poi mi sono ricordata di una cosa: in genere se mi piace un libro lo divoro, e visto che questo scrittore è molto descrittivo, quando arrivavo nei punti in cui descriveva in modo particolareggiato per esempio una battaglia, leggevo di corsa quel punto perchè mi interessava poco quel passaggio. Ora i libri non li divoro più, anche per mancanza di tempo, ma amo leggere e se mi capita un libro che mi piace lo faccio con calma, tipo "a puntate". Così quando mi è ricapitato questo libro mi è sembrato praticamente nuovo, non solo non ricordavo niente ma mi sono ritrovata a leggere con attenzione e seguire affascinata la descrizione dettagliata per esempio dell'addestramento di un falco, o della lotta fra due ragni giganti, o la battaglia tra guerrieri africani svoltasi secoli fa, cose che avevo già letto ma sembrava tutto nuovo, non mi era passato niente allora. E ora non ho nessun ricordo nemmeno di come va a finire.
Con i film più o meno è lo stesso, però se li ho già visti una volta è più facile che mi ricordi la trama e come finiscono, mentre alcune scene mi sembrano proprio nuove, segno secondo me che in quel momento ero poco presente o meno attenta. Ma può darsi che tu abbia ragione sulla quantità, sul fatto che più di un tot non si riesce a incamerare in una volta sola, che sia necessario rivedere un film o rileggere un libro più volte per cogliere tutto. Poi può anche essere che durante un passaggio di questi si era in una certa condizione per cui si è colto in un certo modo, rivedendo in un'altra condizione si è colto in un altro modo ancora, al punto di far sembrare quel passaggio così diverso da avere la sensazione di aver dimenticato tutto quanto.
Shanti non è connesso  
Vecchio 13-01-2008, 00.35.36   #7
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 7,949
Predefinito

Mi sono fatta una mia opinione.

Anche a me capita di leggere e di ricordare poco o nulla o di guardare un film e ricordare solo le parti in cui mi ero lasciata coinvolgere emotivamente e quindi mi ero persa altro.

L'ho scoperto qui e la differenza l'ho vista anche se non ne ero consapevole.

Quando leggevo un libro come dice anche Sha ero ingorda e giù tutto d'un fiato, ecco che facevo indigestione e digerivo pochissimo. Mi riempivo sino a scoppiare senza attendere il tempo della giusta digestione.

Ora invece mi rendo conto che se leggo un capitolo o anche meno, devo fermarmi, ragionarci e magari se riesco anche scriverne. Ecco che ricordo meglio e un poco di più.

Lo stesso succede con il film sono sempre spostata sul dopo e devo fare fatica a rimanere sulle parole e sulle immagini, mentre la mente vorrebbe come minimo correre avanti, quando non addirittura partire per la tangente.
Non so se si capisce.
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 13-01-2008, 12.43.59   #8
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,614
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Voi ricordate per intero libri e film che vedete e che vi piacciono?


No! Ricordo semmai che mi era piaciuto e di cosa parlava. In effetti non avevo considerato la questione del quanto. Tu dici che c'è un limite? Però allora, a parte il film sul quale non è possibile, ma per un libro invece che correre verso la fine cercando di finirlo, metterci un anno 8per dire..) per leggerlo, paginetta per paginetta, aiuta ad assorbirlo. Oppure, come diceva qualcuno, l'uomo non è in grado di mettere tutto se stesso da subito e sempre nel fare le cose, ha bisogno di una dose energetica notevole, attenzione, concentrazione ecc ecc. allora, diceva, che un libro bisogna leggerlo tre volte, la prima serve al corpo, la seconda alla mente e finalmente la terza entra il cuore e alla fine della terza volta si avrà aquisito una impressione sufficiente. Certo non si può far così con tutto, bisognerebbe imparare a rimanere presenti e così ci si accorgerebbe anche del limite del quanto e una pagina alla volta si potrebbe superare via via. In fondo la lettura è concentrazione. Credo che sia un pò il discorsoc he faceva Shanti.
Per la mia esperienza quando non ricordo un libro è perchè l'ho letto con noia e distrazione (a parte qualche blocco che mi parte ma questo è un altro discorso, o forse anche no.. ) e quindi più che le impressioni che ho letto con gli occhi , parole, resta l'impressione del libro noioso, ostico, difficile di non facile comprensione... ecc ecc invece che l'effettivo dato della mia distrazione e della noia e mancanza di interesse.
Poi c'è ancora un altro discorso, ed è quello ceh mi pare fai tu Red, il fatto che un concetto non resta e non ce lo ricordiamo perchè pur avendolo letto con attenzione ed interesse è davvero troppo per noi o mancano dei dati senza i quali non possiamo collegarlo a cose che ci appartengono come esperienza e pian piano lo perdiamo dalla memoria a breve ma quello resta, si, secondo me resta da qualche parte del subconscio che immagazzina per tirar fuori al momento opportuno, e genera un collegamento mancante e latente ma che poi si andrà ad allacciare con qualcosa che sarà la via di mezzo tra quello e la nostra esperienza. A quel punto, sarà capitato anche a te, saprai dove cercare, e dirai: ah ecco!!
Forse questo ultimo periodo è male espresso.

__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?

Ultima modifica di Sole : 13-01-2008 alle ore 12.46.18.
Sole non è connesso  
Vecchio 13-01-2008, 13.02.25   #9
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,614
Predefinito

Mi viene in mente una cosa che potrebbe essere interessante.
Quando guardiamo un film o un libro, lo scegliamo secondo le nostre inclinazioni e ci aspettiamo molto da questo. Iniziamo già da subito a giudicarlo in un certo senso.
Quindi mentre sentiamo.. un dialogo lo elaboriamo dandone un giudizio. E se non è conforme a noi e al giudizio od opinione che ci eravamo fatti lo archiviamo. Può essere? Vi capita?
Poi l'altra parte della faccenda è che giudichiamo noi stessi non in grado di prendere tutto e capaci di intendere. Voglio dire che siamo talmente presi dai nostri meccanismi più automatici e antichi che pur pensando di essere attenti e presenti in realtà ci siamo a metà. E disperdendo l'altra metà non riusciamo in maniera completa.

La paura di essere condizionati limita moltissimo e ci si difende giudicando o rifiutando il ricordo. Invece, tempo fa postai un'esperienza in merito, paradossalmente lasciarsi aperti restando presenti lascia il ricordo ed evita intrusioni.

Non so se ho centrato il punto ma in caso continuiamo, interessa anche me.

__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?

Ultima modifica di Sole : 13-01-2008 alle ore 13.08.47.
Sole non è connesso  
Vecchio 13-01-2008, 13.36.26   #10
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,526
Predefinito

Avete dato tutte delle risposte che mi stanno aiutando ad allargare il mio punto di vista..
In effetti è molto probabile che ci siano più fattori insieme che limitano l'assorbimento di qualcosa che leggiamo/vediamo (e anche di quello che viviamo..)

Citazione:
Originalmente inviato da Shanti
Ho iniziato a leggere e sono sicura che non mi è nuovo, eppure non mi ricordo più niente
Ecco questo capita anche a me ed è sconcertante, voglio dire, avere la sensazione di aver letto qualcosa e non ricordarsi nulla è pazzesco. Cosa ho letto quella volta? se si tratta di un film , cosa ho visto?
Con i film capita anche a me è più facile che rivedendoli poi mi ricordi qualcosa di più, ma anche lì molte scene sono come nuove..

Vero anche il discorso che ha fatto Gris sullo spostare l'attenzione, soprattutto se un libro mi piace, voglio sapere in fretta come procede, come continua come finisce.. e dopo qualche tempo ho perso quasi tutto..

Poi sono d'accordo sul fatto che bisognerebbe imparare a rimanere presenti , senza immedesimarsi o scorrere le pagine in fretta o con ingordigia per vedere come finisce..

Citazione:
Originalmente inviato da Sole
...............................
il fatto che un concetto non resta e non ce lo ricordiamo perchè pur avendolo letto con attenzione ed interesse è davvero troppo per noi o mancano dei dati senza i quali non possiamo collegarlo a cose che ci appartengono come esperienza e pian piano lo perdiamo dalla memoria a breve ma quello resta, si, secondo me resta da qualche parte del subconscio che immagazzina per tirar fuori al momento opportuno, e genera un collegamento mancante e latente ma che poi si andrà ad allacciare con qualcosa che sarà la via di mezzo tra quello e la nostra esperienza. A quel punto, sarà capitato anche a te, saprai dove cercare, e dirai: ah ecco!!
Si anche questo mi capita abbastanza spesso.. se qualcosa mi interessa davvero, faccio uno sforzo per capire, ma solo quando si aggiungono dati in determinate situazioni, poi ritrovo nella memoria quello che già avevo, e le cose si collegano "magicamente", quello che fino ad un certo momento resta latente, è come se prendesse forma, e arriva quel "ah ecco" che dici tu Sole.. a volte basta andare a cercare nella memoria, altre volte si sa dove lo si è letto e basta andare a ricercarlo.. i pezzi si compongono come in un puzzle sì..

Citazione:
Originalmente inviato da Sole
Quindi mentre sentiamo.. un dialogo lo elaboriamo dandone un giudizio. E se non è conforme a noi e al giudizio od opinione che ci eravamo fatti lo archiviamo. Può essere? Vi capita?
altrochè..questo pero' ci preclude di accogliere il nuovo, o il diverso rispetto all'aspettativa.. la sospensione del giudizio quindi anche aiuterebbe a fissare nella memoria....
RedWitch non è connesso  
Vecchio 13-01-2008, 13.38.31   #11
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole
Mi viene in mente una cosa che potrebbe essere interessante.
Quando guardiamo un film o un libro, lo scegliamo secondo le nostre inclinazioni e ci aspettiamo molto da questo. Iniziamo già da subito a giudicarlo in un certo senso.
Quindi mentre sentiamo.. un dialogo lo elaboriamo dandone un giudizio. E se non è conforme a noi e al giudizio od opinione che ci eravamo fatti lo archiviamo. Può essere? Vi capita?
Sì mi capita, ma più che altro se scegliendo per esempio un libro mi lascio attrarre dall'autore di cui ho già letto altro. A questo punto se non solo è come mi aspettavo, ma addirittura è di tutt'altro genere, mi è capitato di mollarlo dopo un po', anche se in quei casi giocava il fatto che proprio non riuscivo a interessarmi al contenuto che trovavo noioso.
Citazione:
Originalmente inviato da Sole
Poi l'altra parte della faccenda è che giudichiamo noi stessi non in grado di prendere tutto e capaci di intendere. Voglio dire che siamo talmente presi dai nostri meccanismi più automatici e antichi che pur pensando di essere attenti e presenti in realtà ci siamo a metà. E disperdendo l'altra metà non riusciamo in maniera completa.
Anche su questo sono d'accordo, aggiungo che in questo caso, come hai scritto tu nel post più sopra, a volte basta ritornarci dopo un po' di tempo. Se trovo un argomento, di un libro, film o altro, che mi sembra ostico e in cui non riesco a "entrare", può essere che non sia il momento giusto per vari motivi, anche se mi sembra di metterci tutta l'attenzione possibile.
Citazione:
Originalmente inviato da Sole
La paura di essere condizionati limita moltissimo e ci si difende giudicando o rifiutando il ricordo. Invece, tempo fa postai un'esperienza in merito, paradossalmente lasciarsi aperti restando presenti lascia il ricordo ed evita intrusioni.
Lasciarsi aperti restando presenti, me lo ripeto perchè voglio ricordarmi di farlo la prossima volta, vedi mai che tra un po' di tempo mi dimentico di questa discussione , che resti impresso ben bene almeno questo.
Shanti non è connesso  
Vecchio 13-01-2008, 13.56.59   #12
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,614
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
altrochè..questo pero' ci preclude di accogliere il nuovo, o il diverso rispetto all'aspettativa.. la sospensione del giudizio quindi anche aiuterebbe a fissare nella memoria....
Secondo me si, perchè vorrebbe dire ascoltare davvero, o quanto meno esercitarsi a farlo e in fondo, a pensarci bene, un film è un buon esercizio


Citazione:
Originalmente inviato da Shanti Visualizza messaggio
Lasciarsi aperti restando presenti, me lo ripeto perchè voglio ricordarmi di farlo la prossima volta, vedi mai che tra un po' di tempo mi dimentico di questa discussione , che resti impresso ben bene almeno questo.
'spetta che me lo appunto pure io, visto mai che smetto di s-corda-rmelo
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 13-01-2008, 14.44.22   #13
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Lo avete gia detto: Attenzione e concentrazione.
Forse c'è un " quanto" da assorbire, sia in conseguenza di queste due variabili e sia, anche, in relazione al fatto che in quel momento, quel concetto o quella nozione, mi serve.
Per esempio, in questo periodo oltre a ciò che ho riportato su, ed in relazione a questo, mi rendo conto che su un passo o anche su una pagina di un libro devo passarci più volte. Ho visto che da subito non è possibile infondere la dovuta concentrazione ed attenzione, quindi mi pare di rodare l'apparecchio per poi, via via, raggiungere un massimo.
Il difficile forse è mantenere questa costanza, questo livello, abbastanza alto ma può essere presa anche in relazione, appunto, alla quantità da assorbire ossia a quanto grande è il mio serbatoio ( in quell'istante ) e quindi alla possibilità di riempirlo.
La quantità dei passaggi è relativa sicuramente all'attenzione come pure al fatto che quel dato mi serve in riferimento a qualcosa che dovrò utilizzare.
Sono d'accordo con Sole, quindi, che aumentando la concentrazione e l'attenzione, con sforzo immane certo, potrei andare anche al di la delle semplici parole e trovare, pure prescindendo dal tipo di libro o film come anche chi ne è l'autore o il regista, trovare, o intravedere, un qualcosa un dato che potrà essermi utile per il futuro o, nel migliore dei casi, un risultato che può essermi utile da subito.
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 13-01-2008, 17.17.12   #14
cassandra
Cittadino/a Stabile
 
L'avatar di cassandra
 
Data registrazione: 21-06-2007
Messaggi: 624
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Sì Cassi, concordo, più ci si mette attenzione e concentrazione (e aggiungerei amore in quel che si fa) e meno pezzi si lasciano in giro, pero' il discorso che facevo è proprio sui contenuti che leggo/vedo... ho come l'impressione di non essere ingrado di incamerare più di un tot non so se si capisce.


Voi ricordate per intero libri e film che vedete e che vi piacciono?

Si Red ho capito e spero che ciò che volevo dire ti sia più chiaro adesso che Sole lo ha spiegato meglio di me ,Gurdj ma anche Uno dicono (nel secondo caso se chiedi )di leggere più volte e con calma lo stesso libro ad esempio,proprio perchè magari in un certo momento non siamo in grado di cogliere molto,quindi ripetere può aprire nuove visioni che prima erano oscure...a me ad esempio è capitato (e capita) qui in Ermo di leggere post che mi sembravano arabo,in cui non capivo praticamente nulla poi dopo tempo rileggendoli qualcosa scattava e come per magia capivo...ma non era magia;questo perchè magari altrove avevo acquisito altri dati (creato collegamenti)ed anche perchè in un certo senso,avevo creato spazio per accogliere quella nozione.Altre volte guardando un film,poi lo dimenticavo completamente, ma bastava rivedere una scena per riprendere in mano il filo,o per ricordarlo mano mano...Resto dell'idea che maggiore è la concentrazione che mettiamo nelle cose che facciamo,migliore sarà il "profitto finale",a tempo debito purtroppo o per fortuna.Concordo con chi ha scritto che nulla va perso completamente,ma forse bisognerebbe imparare a riaprire quel canale anzicchè pescare nel mucchio?Forse anche ricapitolare dopo aver letto qualcosa che si desidera resti impressa potrebbe aiutare...che ne pensate?
cassandra non è connesso  
Vecchio 13-01-2008, 17.33.44   #15
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,630
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da cassandra Visualizza messaggio
di leggere più volte e con calma lo stesso libro ad esempio,proprio perchè magari in un certo momento non siamo in grado di cogliere molto,quindi ripetere può aprire nuove visioni che prima erano oscure...a me ad esempio è capitato (e capita) qui in Ermo di leggere post che mi sembravano arabo,in cui non capivo praticamente nulla poi dopo tempo rileggendoli qualcosa scattava e come per magia capivo...ma non era magia;questo perchè magari altrove avevo acquisito altri dati (creato collegamenti)ed anche perchè in un certo senso,avevo creato spazio per accogliere quella nozione.
Non è solo per dati acquisiti altrove, anzi questi valgono il 5% della cosa (soprattutto se manca la capacità di analogia che viene in seguito ad altre cose), la cosa più importante è con quale parte di te leggi il libro o vedi il film.
Se vedi un film romantico ma con solo con la testa, coglierai tutte le vicende e dinamiche inerenti questa parte di te e ti sfuggirà il resto che il film veicola, se vedi un film horror solo con il corpo, smuoverai una serie di meccanismi fisiologici (utili pure quelli quando non sono normalmente utilizzati, una sorta di effetto catartico) ma non coglierai per esempio aspetti esoterici o filosofici che possono esserci anche nel film più stupido... etc etc....
Rivedere lo stesso film o rileggere lo stesso libro più volte ci da la possibilità di essere focalizzati e centrati su aspetti diversi di noi stessi, quindi integrando (a livello esperienzale, non semplicemente memnonico) i vari aspetti di colpo la magia avviene.

Red però intendeva una cosa diversa, a prescindere della nostra capacità integrativa nelle sulle impressioni ricevute, abbiamo proprio un limite quantitativo determinato da vari fattori, tra cui uno dei più importanti è energetico, ma non meno importante è la capacità di focalizzare (anche se focalizzare può sembrare concentrare e non è questo che intendo, merita un 3d apposito) una determinata cosa, altrimenti non si spiegherebbe perchè a volte un anziano con meno energia di un giovane può comprendere meglio una cosa... e non solo una questione di dati.

Uno non è connesso  
Vecchio 13-01-2008, 18.07.35   #16
cassandra
Cittadino/a Stabile
 
L'avatar di cassandra
 
Data registrazione: 21-06-2007
Messaggi: 624
Predefinito

Non ne ho scritta una giusta ,però è servito molto,in effetti hai ragione,rivedendo film visti prima di venire in città mi è capitato di cogliere tutt'altro...verissima sta cosa!ma allora se uno volesse riuscire a focalizzare volontariamente,ad esempio perchè studia e non ha tanto tempo per lasciar sedimentare le cose come potrebbe fare?(ok,aspetto il 3d apposito)
cassandra non è connesso  
Vecchio 13-01-2008, 18.14.09   #17
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Non è solo per dati acquisiti altrove, anzi questi valgono il 5% della cosa (soprattutto se manca la capacità di analogia che viene in seguito ad altre cose), la cosa più importante è con quale parte di te leggi il libro o vedi il film.
Se vedi un film romantico ma con solo con la testa, coglierai tutte le vicende e dinamiche inerenti questa parte di te e ti sfuggirà il resto che il film veicola, se vedi un film horror solo con il corpo, smuoverai una serie di meccanismi fisiologici (utili pure quelli quando non sono normalmente utilizzati, una sorta di effetto catartico) ma non coglierai per esempio aspetti esoterici o filosofici che possono esserci anche nel film più stupido... etc etc....
Rivedere lo stesso film o rileggere lo stesso libro più volte ci da la possibilità di essere focalizzati e centrati su aspetti diversi di noi stessi, quindi integrando (a livello esperienzale, non semplicemente memnonico) i vari aspetti di colpo la magia avviene.

Red però intendeva una cosa diversa, a prescindere della nostra capacità integrativa nelle sulle impressioni ricevute, abbiamo proprio un limite quantitativo determinato da vari fattori, tra cui uno dei più importanti è energetico, ma non meno importante è la capacità di focalizzare (anche se focalizzare può sembrare concentrare e non è questo che intendo, merita un 3d apposito) una determinata cosa, altrimenti non si spiegherebbe perchè a volte un anziano con meno energia di un giovane può comprendere meglio una cosa... e non solo una questione di dati.

Forse non è il luogo adatto ma è corretto dire che ogni volta che " passo " sulla pagina di un libro o vedo un film " stampo " ( o forse sarebbe meglio dire imprimo ) le informazioni che mi servono, a patto di utilizzare di me, ogni volta, una parte differente?
Come nella stampa di una volta insomma, dapprima lettere più o meno sfuocate qua e la e poi, con gli altri passaggi, la presenza dell'articolo nella sua interezza.

Quindi il limite è quantitativo per la più o meno ampiezza di un serbatoio di "raccolta".
Una domanda: Questo limite è soggettivo cioè varia da persona a persona ed è in relazione al "momento" in cui quel soggetto legge o vede qualcosa? Può cambiare di volta in volta, in base alla quantità di energia che si utilizza, posto che la si abbia?
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 14-01-2008, 11.42.41   #18
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,526
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
.............................

Red però intendeva una cosa diversa, a prescindere della nostra capacità integrativa nelle sulle impressioni ricevute, abbiamo proprio un limite quantitativo determinato da vari fattori, tra cui uno dei più importanti è energetico, ma non meno importante è la capacità di focalizzare (anche se focalizzare può sembrare concentrare e non è questo che intendo, merita un 3d apposito) una determinata cosa, altrimenti non si spiegherebbe perchè a volte un anziano con meno energia di un giovane può comprendere meglio una cosa... e non solo una questione di dati.

In poche righe mi hai chiarito quello che mi sfuggiva, non riuscivo a centrare il punto.. (appunto..) e a metterlo giù in maniera comprensibile.
Posto che non abbiamo poi tutto questo tempo (inteso come durata della vita) per rileggere tutti i libri che vorremmo e posto che rileggere serve per integrare quello che manca, finchè non si è Individui, il discorso quantità energetica lo capisco, basta osservarsi quando si legge qualcosa, più si va avanti con la lettura e più ci si stanca, si perde concentrazione, mi interesserebbe espandere il discorso della focalizzazione ... al momento quello che mi viene in mente è che per esempio anche su thread molto lunghi qui in forum, in cui ci sono tanti pareri diversi e discordanti, tentando di mantenere l'attenzione su quello che leggo, ad un certo punto mi perdo.. e questo spiegherebbe anche il perchè di quando usciamo fuori tema in maniera paurosa, senza nemmeno renderci conto.. è uno spostare il fuoco da quello che è l'argomento principale, il tema centrale per concentrarsi su quelli marginali.. e ci si perde...
Ok.. apriamo il thread?


RedWitch non è connesso  
Vecchio 15-10-2011, 21.29.28   #19
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,257
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Se vedi un film romantico ma con solo con la testa, coglierai tutte le vicende e dinamiche inerenti questa parte di te e ti sfuggirà il resto che il film veicola, se vedi un film horror solo con il corpo, smuoverai una serie di meccanismi fisiologici (utili pure quelli quando non sono normalmente utilizzati, una sorta di effetto catartico) ma non coglierai per esempio aspetti esoterici o filosofici che possono esserci anche nel film più stupido... etc etc....
Rivedere lo stesso film o rileggere lo stesso libro più volte ci da la possibilità di essere focalizzati e centrati su aspetti diversi di noi stessi, quindi integrando (a livello esperienzale, non semplicemente memnonico) i vari aspetti di colpo la magia avviene.

Ho visto che una cosa del genere mi capita soprattutto con le poesie, non riesco ad apprezzarle, forse perchè le leggo come se fossero prosa, e visto che a livello sentimento me la batto coi ferri da stiro...; oltre a rileggerlo più volte, penso conti anche la disposizione con la quale cisi mette, altrimenti posso rileggere 100 volte unlibro con la testa e mai con altro.
Quote:



Red però intendeva una cosa diversa, a prescindere della nostra capacità integrativa nelle sulle impressioni ricevute, abbiamo proprio un limite quantitativo determinato da vari fattori, tra cui uno dei più importanti è energetico, ma non meno importante è la capacità di focalizzare (anche se focalizzare può sembrare concentrare e non è questo che intendo, merita un 3d apposito) una determinata cosa, altrimenti non si spiegherebbe perchè a volte un anziano con meno energia di un giovane può comprendere meglio una cosa... e non solo una questione di dati.

Anche a me capita di riprendere libri, (coi film mi succede meno, me ne piacciono pochi ma quei pochi li "vivo" meglio), di rileggerli e vedere che ci sono partimolto lunghe che prorpio non ricordo di aver letto.
Su alcuni libri ripresi ho notato che il cercare di applicare (o almeno provare a )ciò che viene scritto, tipo quelli sulla quarta via in quesot periodo, li leggo con maggiore attenzione,forse focalizzo meglio, mi ci sento più "dentro", e me li ricordo di più.
__________________
in tenebris lux factus sum
luke non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
film carucci Uno Discorsi da Comari 2 01-10-2011 01.09.51
Libri Uno Arte 5 20-08-2006 02.03.27
Google ricerca libri RedWitch Pc 7 14-06-2006 01.25.28


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 11.04.29.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271