Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Piazza > Manifestazione pacifica del nostro volere

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 06-08-2009, 17.19.33   #1
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito Un uomo contro il racket

Oggi al TG ho sentito la notizia di un uomo, un napoletano, che per andare contro il racket sta rischiando la vita.
E' un imprenditore con 13 o 130 dipendenti (non ho capito bene) che si rifiuta di pagare il racket alla camorra. Quest'uomo ha famiglia, moglie e figli e nonostante questo resiste.
Le sue dichiarazioni sono state di questo tipo: se pago poi sono costretto a licenziare tutti. Ma adesso la mia famiglia è in pericolo.

Cosa chiede in fondo questa persona? Solo di essere potretto dalle istituzioni... non chiede altro. Vuole lavorare, non vuole licenziare il personale e vuole difendere la propria famiglia mantenendosi onesto. Questi sono Eroi.
Giorni fa hanno tentato di incendiare la sua casa, ma si è accorto in tempo.

Lo metto in questo forum perchè vorrei tanto che i miei soldi, le tasse che pago apposto per questi servizi, siano investiti e spese per pagare la scorta a questa persona e non a personaggi che non hanno proprio niente da temere se non l'assalto dei giornalisti. Per quello ci sono le guardie private che possono tranquillamente permettersi.

Questo uomo è un esempio, i figli avranno davanti sempre come si combatte contro una mentalità... cambiando il modo in cui vanno le cose, anche se comporta enormi, a volte devastanti, sacrifici.

Vorrei che ne parlassimo, vorrei che si muovesse qualcosa, vorrei che tanti e tanti e tanti ancora altri si esponessero e gridassero che vogliono essere protetti dallo stato perchè dicono "no".

C'era stato un caso tempo fa di una famiglia che aveva perso tutto in un incendio causato da un "no". Neppure loro erano stati tutelati.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 06-08-2009, 17.44.07   #2
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Oggi al TG ho sentito la notizia di un uomo, un napoletano, che per andare contro il racket sta rischiando la vita.
E' un imprenditore con 13 o 130 dipendenti (non ho capito bene) che si rifiuta di pagare il racket alla camorra. Quest'uomo ha famiglia, moglie e figli e nonostante questo resiste.
Le sue dichiarazioni sono state di questo tipo: se pago poi sono costretto a licenziare tutti. Ma adesso la mia famiglia è in pericolo.

Cosa chiede in fondo questa persona? Solo di essere potretto dalle istituzioni... non chiede altro. Vuole lavorare, non vuole licenziare il personale e vuole difendere la propria famiglia mantenendosi onesto. Questi sono Eroi.
Giorni fa hanno tentato di incendiare la sua casa, ma si è accorto in tempo.

Lo metto in questo forum perchè vorrei tanto che i miei soldi, le tasse che pago apposto per questi servizi, siano investiti e spese per pagare la scorta a questa persona e non a personaggi che non hanno proprio niente da temere se non l'assalto dei giornalisti. Per quello ci sono le guardie private che possono tranquillamente permettersi.

Questo uomo è un esempio, i figli avranno davanti sempre come si combatte contro una mentalità... cambiando il modo in cui vanno le cose, anche se comporta enormi, a volte devastanti, sacrifici.

Vorrei che ne parlassimo, vorrei che si muovesse qualcosa, vorrei che tanti e tanti e tanti ancora altri si esponessero e gridassero che vogliono essere protetti dallo stato perchè dicono "no".

C'era stato un caso tempo fa di una famiglia che aveva perso tutto in un incendio causato da un "no". Neppure loro erano stati tutelati.

se un falcone e un borsellino hanno fatto una certa fine (e si dice fossero arrivati ai vertici) evidentemente c'è qualcosa di ben più losco sotto.
stefano non è connesso  
Vecchio 06-08-2009, 18.09.26   #3
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stefano Visualizza messaggio
se un falcone e un borsellino hanno fatto una certa fine (e si dice fossero arrivati ai vertici) evidentemente c'è qualcosa di ben più losco sotto.
Mi sembra un atteggiamento remissivo il tuo e una frase che non commenta ninete. Cosa vuoi dire? Hai una posizione?
A me hai dato questa impressione: non ci possiamo fare niente, meno male che non siamo nati là. Poveracci affari loro.
Quei due uomini che hai nominato hanno aperto un varco, almeno nella speranza delle gente. Che ne sai che magari è proprio grazie a loro che questa persona ha la speranza di dire "no"? Una vita come la loro sicuramente ha mosso tantissimo nelle coscienze e nell'inconscio collettivo. Se loro sono morti lo hanno fatto perchè credevano che un mondo migliore poteva esserci.
Se smetti di pensare che il Natale è un dono... non lo sarà mai più.


Probabilmente la tua è stata fretta nel rispondere, oppure proprio pensi che ognuno si sbrighi i fatti suoi che io sto bene qui, tanto il tempo non esiste...


Spiegati dai, altrimenti non ha senso la tua frase.

__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 06-08-2009, 18.19.26   #4
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

secondo me la fretta nel rispondere l'hai avuta tu.
cmq intendevo semplicemente dire che il motivo per il quale lo stato non protegge è perchè è concusso.
se non in tutto in alcune parti determinanti.
questo il mio parere.
stefano non è connesso  
Vecchio 06-08-2009, 19.34.15   #5
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Vorrei che ne parlassimo, vorrei che si muovesse qualcosa, vorrei che tanti e tanti e tanti ancora altri si esponessero e gridassero che vogliono essere protetti dallo stato perchè dicono "no".
Se quest'uomo venisse protetto, tutelato ed appoggiato con forza potrebbe diventare un esempio, ovvero lo stato se vuole davvero cambiare le cose, potrebbe sfruttare l'occasione per dare un messaggio forte.
Sarebbe bello anche (ma brutto per un altro verso, dato che appunto dovrebbe farlo l'istituzione) che tale appoggio arrivasse da altri in condizioni simili alle sue, che si alleassero... mica tutte le case si possono buciare.
Però non possiamo neanche pretendere che solo chi è nei guai si arrangi, magari pure coalizzandosi... questi son problemi di tutti, anche di chi non ne è toccato direttamente (che indirettamente a livello economico nessuno ne è escluso) e tutti dovrebbero fare qualcosa, fosse anche solo rumore, in modo che non ci si dimentichi della questione dopo 5 minuti.
Questi criminali fanno la guerra all'Italia, soggiogandone la popolazione. A quando la consapevolezza di ciò? Quanti italiani pensano al loro paese come ad un paese in guerra?
Ray non è connesso  
Vecchio 06-08-2009, 22.06.49   #6
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stefano Visualizza messaggio
secondo me la fretta nel rispondere l'hai avuta tu.
cmq intendevo semplicemente dire che il motivo per il quale lo stato non protegge è perchè è concusso.
se non in tutto in alcune parti determinanti.
questo il mio parere.
E' vero che ho avuto fretta nel rispondere, ero anche di fretta, ma è vero pure che avevo capito cosa intendevi, ma al solito non lo avevi detto, lo avevo inteso io.

In ogni caso la sostanza di quello che ti dicevo non cambia molto. Il fatto che lo Stato sia concusso non toglie che per fortuna ci sono persone che dicono No e per fortuna si oppongono a quelli che dicono: tanto non c'è niente da fare perchè è lo stato che è colpevole.
Se è vero, ancora di più è importante sostenere e supportare e se possibile aiutare queste voci fuori dal coro.
E' importante non perchè oggi cambierà qualcosa se noi ne parliamo, ma perchè se parliamo oggi, domani lo farà un altro e poi un paese, poi una città e poi una nazione e se parla una nazione, il governo, lo Stato non ha più da stare tranquillo. Invece lo Stato punta proprio su un atteggiamento remissivo e di lontanza, di chi sente certe situazioni. Un uomo da solo perderà casa, famiglia... ma sarà un varco pure lui.
Insomma Stefano, dire che tanto lo Stato è concusso il che lascia sottoindendere che non c'è niente da fare, non è vero. E' arrendersi e continuare a farsi manovrare.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 06-08-2009, 22.50.54   #7
logos
Cittadino/a
 
L'avatar di logos
 
Data registrazione: 17-07-2009
Messaggi: 97
Predefinito

Carlo Alberto Dalla Chiesa, il giudice Falcone, Borsellino, i loro familiari, gli uomini e le donne delle scorte.... ed altri i cui nomi ora non ricordo purtroppo....Bè il loro sacrificio non passerà invano fin quando il loro esempio vivrà soprattutto attraverso chi eroicamente dice no.
E' vero, ci sono pezzi dello Stato che sono concussi, c'è omertà, esiste la solitudine che grida scandalo di chi è lasciato solo a combattere un sistema criminale. Un sistema che prima di essere criminale è vigliacco.
Eppure, non è da sottovalutare la forza delle parole e dei contenuti che sono dentro le parole. Anche qui, in questa discussione, forse stiamo gettando un piccolo, infinitamente piccolo sasso in un mare fatto di indifferenza, di colpevoli omissioni.

Detto questo, sogno un mondo che non abbia bisogno di eroi.
logos non è connesso  
Vecchio 07-08-2009, 10.26.00   #8
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
E' vero che ho avuto fretta nel rispondere, ero anche di fretta, ma è vero pure che avevo capito cosa intendevi, ma al solito non lo avevi detto, lo avevo inteso io.

In ogni caso la sostanza di quello che ti dicevo non cambia molto. Il fatto che lo Stato sia concusso non toglie che per fortuna ci sono persone che dicono No e per fortuna si oppongono a quelli che dicono: tanto non c'è niente da fare perchè è lo stato che è colpevole.
Se è vero, ancora di più è importante sostenere e supportare e se possibile aiutare queste voci fuori dal coro.
E' importante non perchè oggi cambierà qualcosa se noi ne parliamo, ma perchè se parliamo oggi, domani lo farà un altro e poi un paese, poi una città e poi una nazione e se parla una nazione, il governo, lo Stato non ha più da stare tranquillo. Invece lo Stato punta proprio su un atteggiamento remissivo e di lontanza, di chi sente certe situazioni. Un uomo da solo perderà casa, famiglia... ma sarà un varco pure lui.
Insomma Stefano, dire che tanto lo Stato è concusso il che lascia sottoindendere che non c'è niente da fare, non è vero. E' arrendersi e continuare a farsi manovrare.

anche queste sono aggiunte tue non mie.
io mi sono limitato a dire che lo stato è concusso se determinate cose vengono lasciate così come sono.
per il resto come te vedo certe figure importanti per la nostra società e ritengo che se nel piccolo di ciascuno si riuscisse a opporsi a determinate situazioni le cose andrebbero meglio.
nel mio piccolo cerco di farlo.
Il resto sono tue deduzioni come detto.
da una frase hai tirato fuori tutto il resto, senza conoscere ma supponendo.
stefano non è connesso  
Vecchio 07-08-2009, 11.34.54   #9
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stefano Visualizza messaggio
da una frase hai tirato fuori tutto il resto, senza conoscere ma supponendo.
A.s.
Elloso, diventa fastidioso subirlo

Dai pace.


Da una frase scritta ho tirato fuori considerazioni, quelle che una frase lasciata senza commento lasciano liberamente intendere. Se mi dici che lo stato è concusso e finisce lì io posso tirare fuori quello che mi ispira. Se non ti piace ciò che fa emergere una tua frase, allora puoi tranquillamnete commentare e addrizzare il tiro.

Ora so che la pensi come me ma ci sono voluti tre post.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 07-08-2009, 12.07.16   #10
stefano
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 11-05-2009
Messaggi: 1,322
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
A.s.
Elloso, diventa fastidioso subirlo

Dai pace.


Da una frase scritta ho tirato fuori considerazioni, quelle che una frase lasciata senza commento lasciano liberamente intendere. Se mi dici che lo stato è concusso e finisce lì io posso tirare fuori quello che mi ispira. Se non ti piace ciò che fa emergere una tua frase, allora puoi tranquillamnete commentare e addrizzare il tiro.

Ora so che la pensi come me ma ci sono voluti tre post.
non vedo il problema anche se la pensassi diversamente da te
anche sul discorso "infastidirmi" sono tue congetture.
sono molto tranquillo nel dialogare con te.
stefano non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Uomo nero o ombra griselda Sogni 65 22-07-2011 15.55.35
Sogno non mio - uomo con l'ascia stella Sogni 6 17-04-2009 22.59.05
uomo migliore e più profondamente uomo jezebelius Aforismi, Proverbi, Modi di dire 2 14-12-2008 02.53.58
Uomo di Neanderthal e Pool genetico Fausto Intilla Scienza 0 11-11-2006 17.12.46
Uomo Uno Letteratura & Poesia 2 22-02-2006 19.09.43


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 18.31.26.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2023, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271