Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Psicologia moderna e antica > Sogni

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 03-03-2012, 14.00.29   #1
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,696
Predefinito Ancora bianco

Due sogni a distanza di qualche ora.
Primo sogno.

E' un pò tortuoso, io osservo me che guido un'auto in discesa che lascio finire in acqua mentre mi rifugio sopra la cima di un albero, una specie di palma. Quassù la me ha suo figlio, mezzo animale e mezzo uomo, è molto strano questo neonato, è prematuro ma già in grado di sopravvivere, è piccolo a forma cilindrica e di colore bianco, quel bianco splendente tipico mio, sembrerebbe un verme ma in verità ha la forma fallica, sta in una mano. Questo figlio, di me e del mio compagno, rappresenta il legame d'unione della coppia, ma lui è andato via, l'ha lasciata. Allora la me va a cercarlo per dargli la notizia di questo figlio, e me lo affida in sua assenza. Io lo prendo nella mano sinistra a forma di guscio, è un geco, sempre dalla forma fallica e bianco, è molto piccolo ma tanto vivace, si muove di continuo come farebbe un vero geco, non ha le zampe ma si dimena dentro la mia mano, che tengo a guscio largo per non stritolarlo. C'è qualcuno vicino a me ma non ricordo più chi, glielo mostro, ora ha fame, molta fame, si dimena moltissimo in cerca di cibo, deve crescere in fretta ma devo aspettare la madre che torna, io no ho latte, ma il geco vuole attaccarsi al polpastrello del mio dito indice, esce la lingua e apre la bocca, vuole per forza succhiarmi il dito, a me fa impressione, è un geco anche se per metà umano ma non voglio che mi si attacchi al dito, mi stresso moltissimo... mi sveglio pronunciando forte la sillaba MUA' che in danese vuol dire mamma. Ho il tronco infuocato che quasi soffoco dal forte calore, ho bisogno di raffreddare il tronco a lungo prima di raddormentarmi.
diamantea non è connesso  
Vecchio 03-03-2012, 14.10.58   #2
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,696
Predefinito Secondo sogno.

Mi trovo in un posto, davanti un luogo pubblico, devo portare un grosso cane che parla come un umano, è un bel mastino dal pelo marrone, è passato di livello, ora non sarà più solo un cane ma quasi un umano. Però prima di accompagnarlo a destinazione devo superare una prova, la quale consiste in un videogame, ho un aereo e devo lottare contro degli alieni o dei nemici, su nello spazio. L'energia mi viene data dai bianchi di 7 uova, che io rompo e separo, i rossi li metto a raggiera in un piatto i bianchi li uso per combattere e vincere la battaglia.
Così sono passata di livello, posso accompagnare il cane che sistemo in auto, posto aventi passeggeri, sedendolo come un umano, con i cuscini laterali e la cintura per farlo stare eretto, mi congratulo con lui il quale mi ringrazia per questo passaggio di livello.
diamantea non è connesso  
Vecchio 03-03-2012, 15.34.24   #3
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,696
Predefinito

Troppo complicati per me questi due sogni, vedo solo che si parla di nuovo, di nascita, di istinti che si stanno differenziando, il geco umano e il cane parlante, di lotte con essere sconosciuti, come quelli nel mio giardino ed ora nello spazio anche se è un videogioco, ma uso albume, sostanza bianca, maschile come quella che vedo uscire dal mio zigomo. Si parla passaggi di livelli, dallo stato animale allo stato umano.
Sinceramente non so dove devo andare a parare, cosa sto cercando o cosa cerca di dirmi veramente suby, di sicuro vedo che utilizza cose dette in forum come guscio ad esempio, e l'effetto del TA che mi riporta alla gravidanza e al parto, al legame uomo/donna tramite un figlio che ha una forma fallica di colore bianco, quindi maschile, ed è un incrocio fra un rettile e un essere umano. Si dice che l'uomo provenga dai rettili.
La cosa comune in questi ultimi sogni è la sensazione di stress molto forte in prossimità della sua fine e al risveglio o sento una calore eccessivo, soffocante, nella zona del tronco, calore che penso si sviluppi nella fase di stress del sogno, oppure ho la tachicardia con difficoltà respiratoria. Non so cosa voglia dire di preciso ma penso che smuova cose diverse a seconda del disagio che provo al risveglio.
Tuttavia non i sento turbata e non sto male come in altre circostanze, solo mi stranizzo della fantasia e originalità di suby
diamantea non è connesso  
Vecchio 04-03-2012, 22.46.57   #4
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 2,696
Predefinito

Ho riflettuto un pò ed anche alla luce di quello che è emerso dalla mia ricerca sul geco potrei ipotizzare qualcosa.

Intanto rifletto ancora sul trattenere e contenere, qui il geco/umano mi costringe a tenere la mano sinistra a forma di guscio per non farlo scappare. Se il geco/umano rappresentasse il principio maschile potrebbe in questo caso simboleggiare la forma del femminile, con la mano a guscio che contiene e custodisce. Fin qui non ho tanti problemi, posso tenerlo in mano e non farlo scappare ma dovrei ora nutrirlo. E' vero che non essendo la madre non ho latte ma il punto è che mi fa ribrezzo la sua bocca, la sua lingua attaccata al mio polpastrello, quindi c'è un problema di contatto secondo me con questo principio maschile che vuole giustamente essere nutrito dal mio femminile. Tra l'altro questo essere è particolarmente vivace, si muove velocemente, può scappare se non tengo ben chiusa la mano, che chiusa non è ma a forma di guscio, ma nel sogno da l'idea di contenitore, e questo suo movimento di stressa, penso che non sono in grado di controllarlo, anche perchè ho il ribrezzo e vorrei non sentire il contatto.

Qui suby ha pescato dal passato, quando mio fratello molto attratto da lucertole e gechi, una volta in terrazza da mia madre ne prese uno con le mani, era bello grosso e apriva la bocca per difendersi, lui gli metteva il dito dentro la bocca perchè non gli faceva male, ed invitava me a fare altrettanto, ma il mio ribrezzo era tale che lo toccai un pò sulla testa ma il dito dentro la bocca non gliel'ho messo.

Il dito che allatta è presente in un altro mio sogno di un anno fa, vedevo la madre che nutriva il figlio con il latte che sgorgava dall'indice sinistro ma non metteva il dito nella bocca del bambino...
Ci sarà qualcosa, io penso, un problema con il contatto, ma non so precisare in cosa o in che modo o per quale motivo, è solo ipotesi la mia perchè altro non mi viene.

C'è anche la particolarità della partenogenesi del geco, una femmina che non ha bisogno del maschio, (ed io con l'astinenza sto facendo a meno del maschio), mentre a me viene dato in mano un figlio geco/umano, è maschio, ed è bianco, ed ha una forma fallica, più maschio di così? lo devo custodire e nutrire mentre la me madre cerca il padre per unirsi attraverso questo strano essere.

Anche nell'altro sogno, vi sono le uova, ma uso solo il bianco, quindi la parte maschile, per salire di grado, vincere la battaglia. C'è questa separatezza di maschile e femminile.

Ray, potresti aiutarmi un pò a capire per favore?
diamantea non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Opera al Bianco luke Tradizioni Spirituali ed Esoteriche 7 29-06-2011 17.58.01
Il bianco dell'innocenza diamantea Esperienze 29 13-01-2011 17.47.38
Ancora griselda Simboli 6 04-10-2007 23.08.03
Gusto e benefici del the bianco Pandora Benessere fisico 10 22-09-2006 14.38.21


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 20.43.23.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271