Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Esoterismo

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 10-02-2009, 12.09.10   #1
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito La Vita

E' un argomento così vasto e complesso da affrontare ma visto gli accadimenti di questi giorni vorrei riflettere con voi su cosa sia la vita, la Vita, non quella che comunemente intendiamo piena di avvenimenti e che finisce con l'ultimo respiro ma molto più in alto, cosa sia il senso della vita, cosa sia il rspiro, cosa muove l'universo.
Mi rendo conto che non si sa da dove cominciare, io per prima.

La Vita per me è qualcosa che permea l'Universo tutto, è movimento, vibrazione, pulsione. Possiamo distinguerla in diversi modi, dal pulsare di un cuore umano, di una bestiola, dal crescere di un fiore o dalla millenaria pietra e possiamo osservarla nel movimento dei pianeti, nel nascere e morire di una stella.

Io credo che la vita sia il creato stesso con i suoi cicli, morire non è opposto a vivere ma lo è nascere. Vita comprende in se tutto anche la malattia e ciò che l'umano non sa accettare come condizione di vita.

C'è da comprendere cosa sia la vita per poter iniziare a vivere davvero, sentire quella energia vitale che scorre.

Scusate se l'ho messa un pò poetica e romantica, ho detto quello che credo sia la vita ma è molto limitato io credo ci sia moltissimo tanto altro da dire.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 10-02-2009, 15.44.15   #2
Era
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Era
 
Data registrazione: 29-05-2004
Messaggi: 2,671
Predefinito

la vita è anche quel tempo che mi è stato dato e in questo tempo breve o lungo che sia...persone cose azioni fatti mi sbattono addosso a darmi imput..e nell' analisi che hai fatto mi chiedo : quanto di questo piccolo frammento di universo sto buttando alle ortiche..discorso egoistico il mio certo che si...tuttavia è impensabile comprendere la Vita se non si comprende la propria piccola esistenza.
__________________
Dio mi conceda
la serenità di accettare
le cose che non posso cambiare
il coraggio di cambiare
quelle che posso cambiare
e la saggezza
di distinguere tra le une e le altre

Ultima modifica di Era : 10-02-2009 alle ore 15.46.25.
Era non è connesso  
Vecchio 10-02-2009, 16.03.09   #3
Il Folle
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 14-09-2007
Residenza: qui e ora
Messaggi: 243
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Era Visualizza messaggio
la vita è anche quel tempo che mi è stato dato e in questo tempo breve o lungo che sia...
Ma quando inizia questo tempo? Quando eravamo spermatozoi? Quando eravamo embrione? Quando abbiamo visto la luce? Quando?

:-)
Il Folle non è connesso  
Vecchio 10-02-2009, 20.04.59   #4
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Il Folle Visualizza messaggio
Ma quando inizia questo tempo? Quando eravamo spermatozoi? Quando eravamo embrione? Quando abbiamo visto la luce? Quando?

:-)
La Vita non inizia e non finisce, è e basta, e in diversi modi permea tutto ciò che esiste. Sono le diverse strutture, le diverse forme, che nascono e muoiono alla Vita. Quando una struttura muore è quella particolare forma a morire, ma la Vita continua in altre forme. Parlavamo di questo anche nel tread sui comandamenti, se non erro.

Detto ciò il problema sollevato da Fol si traduce in quando una forma, una struttura, è tale da poter ospitare la vita... se poi parliamo di umano la colleghiamo anche alla possibilità di una coscienza, ma in generale, dovremmo parlare di struttura e basta, quindi una forma dotata di una certa stabilità nel tempo e capace di una serie di processi sempre nel tempo (e spazio).

La cosa dello spermatozoo si risponde da se... sappiamo che lo spermatozoo muore in quanto tale e da esso nasce (se accade) l'embrione. Ogni qual volta una forma nasce, muore quella precedente.
Vale anche per noi... in un certo senso moriamo e nasciamo continuamente, ad ogni piccolo cambiamento.

Però esiste una certa struttura che chiamiamo "noi", che chiamiamo umano, che nasce e muore e con la quale ci identifichiamo.
Questa identificazione fa sorgere i problemi sollevati dal Fol... andando a ritroso per capire quando "ciò che siamo" nasce, arriviamo a dei punti in cui le cose non sono poi tanto chiare, dove abita la sfumatura, dove sorge il dubbio se una forma è già quella forma o non ancora.

Perchè ce lo chiediamo? Ce lo chiediamo perchè vogliamo esercitare potere su di essa, e attraverso di essa, sulla Vita. Se rispettassimo la Vita non farebbe molta differenza no? Siamo già vivi dal concepimento o solo dopo qualche mese? Che differenza fa? L'unica differenza è a vantaggio della coscienza che vuole abortire (sto facendo un esempio, non intendo spostare sull'aborto). Se rispettassimo la Vita lasceremmo che le cose seguano il loro corso.

Se lasciassimo che le cose seguano il loro corso, allora la domanda avrebbe valenza puramente teorica, spinta forse dalla curiosità o da un anche lecito desiderio di conoscenza e approfondimento. Una risposta tipo la vita di quella forma inizia in dato momento sarebbe quindi accademica, tuttavia forse avrebbe delle utilità.

Il guaio però è dato proprio da quell'avvicinarsi all'indefinito man mano che retrocediamo nella storia di una data forma, quell'approdare ad una zona d'ombra dove è più presente il mistero della risposta certa.
Il bagnasciuga è acqua o terra?

La risposta, se proprio la si vuole, è semplice...
Ray non è connesso  
Vecchio 11-02-2009, 16.46.55   #5
Il Folle
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 14-09-2007
Residenza: qui e ora
Messaggi: 243
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
La Vita non inizia e non finisce, è e basta, e in diversi modi permea tutto ciò che esiste.
Matematicamente parlando potremmo dire che Esiste un insieme Vita che contiene il tutto....?

Citazione:
Sono le diverse strutture, le diverse forme, che nascono e muoiono alla Vita. Quando una struttura muore è quella particolare forma a morire, ma la Vita continua in altre forme.
Da quello che hai scritto la vita dunque c'E' sempre, quello che cambia è il suo campo d'esistenza (struttura) dunque se prima era in un modo non ha cessato di essere ma esiste ancora sotto altra forma, un pò come le farfalle, a morire non è l'Essere della larva ma la struttura larva (è cosi che si chiama?) per poi manifestarsi e quindi esistere sotto forma di farfalla. Sto capendo bene?

Citazione:
se poi parliamo di umano la colleghiamo anche alla possibilità di una coscienza,
Mi chiedevo se lo spermatozoo abbia coscienza di quello che fà e di quello che è?

Citazione:
Il guaio però è dato proprio da quell'avvicinarsi all'indefinito man mano che retrocediamo nella storia di una data forma, quell'approdare ad una zona d'ombra dove è più presente il mistero della risposta certa.
Vedendo la vita come una linea e cercando di scavare a ritroso si arriva dunque ad un punto il cui intorno sx è indefinito, allora mi chiedo ma quanto può essere utile a me e all'umanità qui e ora o quanto lo potrebbe essere in futuro conoscere cosa c'è in quell'intorno?

Citazione:
Il bagnasciuga è acqua o terra?
E' il bagnasciuga :-D
Il Folle non è connesso  
Vecchio 11-02-2009, 19.45.15   #6
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Matematicamente parlando la vedo più come una funzione (Vita) che connette gli elementi dell'insieme "strutture che esistono" al piano di esistenza, anche se forse è impreciso.

Una struttura può non essere viva (meglio dire vivificata), anche se in tal caso rapidamente si disfa. Come dire che la Vita, vivificando la struttura, la rende stabile. Quando smette di vivificarla quella struttura muore, la Vita resta e vivificherà altre strutture (più o meno interconnesse con la precedente).
L'interconnessione interessante... se prendiamo la larva del tuo esempio potremmo forse dire che la struttura larva, accogliendo la Vita, percorre un processo che la porta alla costruzione della struttura successiva e, quando è pronta, ovvero quando ha veicolato abbastanza Vita, muore e fa nascere la struttura successiva, in questo caso forse più complessa o a maggior energia.

Non so se lo spermatozoo è cosciente di se, tuttavia se immagino la sua struttura, devo supporre che l'eventuale coscienza non è paragonabile alla nostra, nè per intensità, nè per complessità. Poi si può approfondire l'ipotesi, spostandosi sul discorso coscienza (qui forse OT)... se essa è l'interfaccia con l'esterno vive e si forma grazie ai feedback e quindi è correlata alla percezione. Ritengo (ma posso certamente sbagliare) che le possibilità percettive dello spermatozoo siano scarse rispetto alle nostre. Quel che è certo è che siamo sue strutture diverse, noi e lo spermatozoo.

Il bagnasciuga è sia terra che acqua.
Ray non è connesso  
Vecchio 12-02-2009, 00.41.13   #7
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio

Il bagnasciuga è sia terra che acqua.
O nessuna delle due.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 12-02-2009, 01.00.11   #8
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
O nessuna delle due.
Beh no, non sono d'accordo. La coesistenza di due cose, fosse anche tale da renderle indistinte, non provoca la loro assenza. Altrimenti da questa indistinzione (che poi dipende dalla capacità di distinguere, di vedere) non potrebbero poi differenziarsi.
Ray non è connesso  
Vecchio 12-02-2009, 01.05.09   #9
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito

Ok, ma nel momento in cui si uniscono per formare altro allora sono altro pur questo altro contenendolo.
Un figlio è frutto di due persone diverse ma il figlio non è padre o madre anche se in se li contiene. Horus non Iside e non è Osiride ma li contiene entrambi.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 12-02-2009, 13.49.05   #10
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

La vita e' un valore assoluto?
No neppure la vita e' un valore assoluto da conservare ad ogni costo in qualsiasi condizione .
Che ne dite?
nikelise non è connesso  
Vecchio 12-02-2009, 14.12.15   #11
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
La vita e' un valore assoluto?
No neppure la vita e' un valore assoluto da conservare ad ogni costo in qualsiasi condizione .
Che ne dite?
Parli della vita che vivifica una specifica forma immagino, non della Vita...

Il valore che noi diamo alle cose è sempre relativo, tuttavia viene da ragionare sul fatto che, siccome siamo strutture vivificate dalla Vita, allora ci sentiamo autorizzati di disporne, come fosse nostra... scatta il possesso. Ma è qualcosa che ci è dato e che forse non è veramente nostro... o forse si. Che ne dite?
Ray non è connesso  
Vecchio 12-02-2009, 14.31.20   #12
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Parli della vita che vivifica una specifica forma immagino, non della Vita...

Il valore che noi diamo alle cose è sempre relativo, tuttavia viene da ragionare sul fatto che, siccome siamo strutture vivificate dalla Vita, allora ci sentiamo autorizzati di disporne, come fosse nostra... scatta il possesso. Ma è qualcosa che ci è dato e che forse non è veramente nostro... o forse si. Che ne dite?
No, non e' relativa il valore vita perche' scatta il possesso o almeno non intendevo questo .
E' un valore relativo quello della vita perche' in determinate circostanze prevalgono sulla vita altri valori di pari o superiore importanza .
nikelise non è connesso  
Vecchio 12-02-2009, 18.00.49   #13
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,695
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Ok, ma nel momento in cui si uniscono per formare altro allora sono altro pur questo altro contenendolo.
Un figlio è frutto di due persone diverse ma il figlio non è padre o madre anche se in se li contiene. Horus non Iside e non è Osiride ma li contiene entrambi.
L'esempio del figlio non calza perchè con il figlio i genitori donano (anche quando si tratta solo di una... ehem....) qualcosa che poi diventerà il futuro bambino.
L'esempio corretto potrebbe essere una coppia, due individui si uniscono in una coppia anche se rimangono distinti

qualcuno è convinto che nella coppia ci si annulla, poi caso strano è sempre quello che vorrebbe annullare l'altro, mai se stesso

Quindi la coppia è coppia, non è Mario non è Gina... eppure Mario e Gina sono due individui a se stanti come l'acqua e la sabbia del bagnasciuga.

Mi sa che devo andare avanti con il 3d su transustanziazione e consustanziazione (http://ermopoli.it/portale/showthread.php?p=65004) che se non si fosse capito non è qualcosa limitato a strane leggende Cristiane, ma un concetto molto profondo ed universale.
Uno non è connesso  
Vecchio 13-02-2009, 15.16.48   #14
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,537
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
............................

L'interconnessione interessante... se prendiamo la larva del tuo esempio potremmo forse dire che la struttura larva, accogliendo la Vita, percorre un processo che la porta alla costruzione della struttura successiva e, quando è pronta, ovvero quando ha veicolato abbastanza Vita, muore e fa nascere la struttura successiva, in questo caso forse più complessa o a maggior energia.
Se il bruco muore e rinasce sotto forma di farfalla, questa possibilità potrebbe essere data anche all'uomo, che se fosse in grado di "costruire" una nuova struttura durante la propria vita, morendo potrebbe lasciar posto ad una struttura più.. "evoluta"?

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Non so se lo spermatozoo è cosciente di se, tuttavia se immagino la sua struttura, devo supporre che l'eventuale coscienza non è paragonabile alla nostra, nè per intensità, nè per complessità. Poi si può approfondire l'ipotesi, spostandosi sul discorso coscienza (qui forse OT)... se essa è l'interfaccia con l'esterno vive e si forma grazie ai feedback e quindi è correlata alla percezione. Ritengo (ma posso certamente sbagliare) che le possibilità percettive dello spermatozoo siano scarse rispetto alle nostre. Quel che è certo è che siamo sue strutture diverse, noi e lo spermatozoo.
Questa parte Ray non mi è molto chiara, se penso ad un bimbo appena nato, non penso di poter dire che sia cosciente di sè, non conosce i propri "limiti" (confini), non credo nemmeno che percepisca l'esterno come altro da sè.. e questo è interessante secondo me.. è come se in qualche modo si sentisse ancora parte del tutto, ma questa è una considerazione mia, non so se sia proprio così.. Però per questi motivi mi riesce difficile pensare ad uno spermatozoo cosciente di sè.. per possibilità percettive intendi percezione di tutto ciò che è esterno ed interno? quindi anche stimoli che per l'umano possono essere anche la fame, la sete etc?

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Parli della vita che vivifica una specifica forma immagino, non della Vita...

Il valore che noi diamo alle cose è sempre relativo, tuttavia viene da ragionare sul fatto che, siccome siamo strutture vivificate dalla Vita, allora ci sentiamo autorizzati di disporne, come fosse nostra... scatta il possesso. Ma è qualcosa che ci è dato e che forse non è veramente nostro... o forse si. Che ne dite?
Giorni fa, avevo sentito che il papà di Eluana, quando stavano per interrompere l'alimentazione aveva detto qualcosa come "finalmente faremo quello che lei voleva". Lì per lì, sentendo questa cosa, ho pensato che se davvero era quello che lei voleva, forse poteva essere giusta la sospensione dell'alimentazione. Pero' ... anche se ci è concesso un periodo in cui stare su questa Terra, la vita è nostra? possiamo sostituirci a Dio e disporne, decidendo per la morte piuttosto che per la vita, anche se si tratta della nostra esistenza? Non ne sono così certa...

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
No, non e' relativa il valore vita perche' scatta il possesso o almeno non intendevo questo .
E' un valore relativo quello della vita perche' in determinate circostanze prevalgono sulla vita altri valori di pari o superiore importanza .
Faresti un esempio? Come quando per salvare molte vite se ne deve sacrificare una?

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
L'esempio del figlio non calza perchè con il figlio i genitori donano (anche quando si tratta solo di una... ehem....) qualcosa che poi diventerà il futuro bambino.
L'esempio corretto potrebbe essere una coppia, due individui si uniscono in una coppia anche se rimangono distinti

qualcuno è convinto che nella coppia ci si annulla, poi caso strano è sempre quello che vorrebbe annullare l'altro, mai se stesso

Quindi la coppia è coppia, non è Mario non è Gina... eppure Mario e Gina sono due individui a se stanti come l'acqua e la sabbia del bagnasciuga
Questo corrisponderebbe alla consustanziazione? Mario e Gina danno vita alla coppia ma anche rimangono due individui..
Quando è che invece due elementi si uniscono per dare vita ad un terzo? per esempio una lega di due metalli potrebbe essere?
RedWitch non è connesso  
Vecchio 13-02-2009, 15.34.44   #15
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Se il bruco muore e rinasce sotto forma di farfalla, questa possibilità potrebbe essere data anche all'uomo, che se fosse in grado di "costruire" una nuova struttura durante la propria vita, morendo potrebbe lasciar posto ad una struttura più.. "evoluta"?
Beh, ne parliamo dappertutto, è il senso della necessità di costruirsi un'anima.



Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Questa parte Ray non mi è molto chiara, se penso ad un bimbo appena nato, non penso di poter dire che sia cosciente di sè, non conosce i propri "limiti" (confini), non credo nemmeno che percepisca l'esterno come altro da sè.. e questo è interessante secondo me.. è come se in qualche modo si sentisse ancora parte del tutto, ma questa è una considerazione mia, non so se sia proprio così.. Però per questi motivi mi riesce difficile pensare ad uno spermatozoo cosciente di sè.. per possibilità percettive intendi percezione di tutto ciò che è esterno ed interno? quindi anche stimoli che per l'umano possono essere anche la fame, la sete etc?
Più sei connesso/mescolato col tutto meno hai coscienza di te. Differenziandoti la sviluppi. La differenziazione avviene grazie alla percezione (e sua elaborazione a vari livelli)... percezione di ciò che esiste, elaborazione come "altro-da-me".
Poi, differenziati (o individuati o simili) si dovrebbe tornare...
Ray non è connesso  
Vecchio 14-02-2009, 16.17.32   #16
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito

A me non possono che venire in mente le parole di Gesù quando disse "Io sono la Via, la Verità, la Vita", lasciando quindi intendere che queste tre cose sono intimamente correlate, quasi imprescindibili.
Potremmo quasi dire che sono le tre facce della stessa cosa, aspetti diversi dello stesso soggetto, tanto che se le invertiamo un po' tra esse il senso non cambia di molto.
"Come va la tua via?", "hai scoperto la vita su quella cosa?", "la sua verità è un inferno" sono frasi che ho invertito apposta ma che ragionandoci su potrebbero aprire la mente a nuove intuizioni.

Riflettere su cosa è la Via e su cosa è la Verità, potrebbero aiutare di molto a capire cos'è la Vita. Per esempio tanto più una cosa gira gira ma non va da nessuna parte e tanto più è irreale, tanto meno può considerarsi viva...
Kael non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Una lezione di vita RedWitch Palco delle Premiazioni 3 09-03-2008 14.00.35
trasformazione a meta' della vita nikelise Psicologia moderna e antica 8 03-10-2007 16.09.41
Dare la vita Haamiah Psicologia moderna e antica 10 04-12-2006 14.56.38
incoscio collettivo isaefrenk Psicologia moderna e antica 23 01-08-2005 14.32.44
Che fantastica storia è la vita Era Testi Canzoni 0 24-06-2004 13.31.48


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 19.18.08.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271