Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Esoterismo

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 29-08-2008, 16.25.07   #1
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito La semplicità richiede energia

Mi approprio delle parole di Uno per poter aprire il discorso in Esoterismo, avendolo già trattato moltissimo in altri forum ma mai in questi termini.

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio

[...] "la semplicità richiede energia", (che merita un thread a parte) so che non tutti saranno d'accordo, è vero che complicando se ne perde molta di energia... però è pur vero che la stessa energia occorre per agglomerare la semplicità intorno ad un nucleo di pensiero (spero che sia un'immagine facile da visualizzare), la differenza è che nel primo caso (complicando) l'energia si perde nell'ambiente e nel caos, nel secondo caso crea luce (diciamo poeticamente) dentro ed intorno a noi.
Quindi occorre saper indirizzare quest'energia [...]
Spesso e volentieri ci siamo lamentati di non trovare semplicità discorsiva e non, ma chi di noi non si è trovato a doversi fermare, raccogliere le idee per poter esprimere un concetto in maniera chiara. Quanta energia ci serve per parlare ad un bambino?
Quel fermarsi, è un raccogliersi, raccogliere le parole che sono il veicolo di quel pensiero.
Quindi la semplicità è una forza, è una concentrazione di volontà in un punto, una qualità dell'Essere che dobbiamo allenare.

Mi piacerebbe approfondire l'argomento, anche se apparentemente sembra concludersi in quelle poche parole del quote. La semplicità che raccogliamo intorno al pensiero è una forza che emaniamo noi?
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 29-08-2008, 18.04.11   #2
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Mi piacerebbe approfondire l'argomento, anche se apparentemente sembra concludersi in quelle poche parole del quote. La semplicità che raccogliamo intorno al pensiero è una forza che emaniamo noi?
La emaniamo, ma per farlo prima dobbiamo raccoglierla. Raccogliere è sempre faticoso, ma la fatica varia al variare di ciò che raccogliamo e noi raccogliamo più facilmente ciò che ci somiglia... (che sta nelle nostre mani).

Poi è anche vero che tendiamo a complicare ciò che abbiamo raccolto prima di emanare... questo forse basterebbe non farlo (ma siamo tutti molto affezionati al nostro soggettivo, anche e soprattutto se modifica molto quel che ci attraversa).
Ray non è connesso  
Vecchio 29-08-2008, 19.52.59   #3
Il Folle
Richiesta Cancellazione
 
Data registrazione: 14-09-2007
Residenza: qui e ora
Messaggi: 243
Predefinito

Astral in un altro 3d ha ben scritto la parola è energia, quando comunichiamo (in tutti i modi anche scrivendoci così sul foro) consumiamo energie, si muovono i muscoli, in questo caso le dita e gli avambracci.
Inoltre si mette al lavoro anche il cervello che deve trovare le giuste parole per esprimere il pensiero cosa che se avviene in modo consapevole richiede uno sforzo ancora maggiore, almeno per quanto mi riguarda se devo dire cavolate preferisco stare zitto però se credo di avere qualcosa da dire cerco di esprimermi al meglio, non sempre ci riesco perchè non è facile farsi capire.
Il Folle non è connesso  
Vecchio 29-08-2008, 20.52.27   #4
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Il Folle Visualizza messaggio
Astral in un altro 3d ha ben scritto la parola è energia, quando comunichiamo (in tutti i modi anche scrivendoci così sul foro) consumiamo energie, si muovono i muscoli, in questo caso le dita e gli avambracci.
Inoltre si mette al lavoro anche il cervello che deve trovare le giuste parole per esprimere il pensiero cosa che se avviene in modo consapevole richiede uno sforzo ancora maggiore, almeno per quanto mi riguarda se devo dire cavolate preferisco stare zitto però se credo di avere qualcosa da dire cerco di esprimermi al meglio, non sempre ci riesco perchè non è facile farsi capire.
L'ho scritto io? Manco mi ricordo

Principalmente, non ho ben capito il topic, che occorre energia per le cose più semplici?
Astral non è connesso  
Vecchio 29-08-2008, 22.42.04   #5
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
L'ho scritto io? Manco mi ricordo

Principalmente, non ho ben capito il topic, che occorre energia per le cose più semplici?
Non le cose più semplici, la semplicità.
Ti faccio un esempio.. lo schematizzo, come piace a te

versione A (a bassa energia): il pensiero è duale, ovvero pensa per opposti. Per individuare l'oggetto del suo pensare si tende verso la realtà e la riveste con un'applicazione sovrastrutturale pre-introiettata grazie ad un meccanismo difensivo limitante la percezione. A questo punto il suo percepire, filtrato, lo pne nell'impressione di una moltitudine di oggetti che però sono arbitrarie e soggettive divisioni del suo oggetto iniziale, la realtà. Il pensiero a questo punto ha di fronte a se un oggetto limitato e facilmente esplorabile e, se la sovrastruttura rivestiva lo consente, anche i collegamenti virtuali con gli altri oggetti, ovvero la formula di riconnessione. Il sentire invece, sia a sensazione che a emozione, non essendo duale non utilizza sovrastrutture analoghe ma unicamente filtri percettivi attenuanti o stimolanti - che poi sono il vissuto soggettivo - purtuttavia resta capace di incamerare la totalità del suo percepito, anche se il percepente dovrà attuare un processo di elaborazione della percezione, non necessariamente razionale, che cuaserà un fluire dell'impressione rapportata alla sua struttura percettiva, più o meno comune a tutti i simili... da cui il tempo.

versione B (ad alta energia): il pensare divide, il sentire unisce.
(Ezra Pound)


Per la versione B racchiudo il tanto nel poco senza perdere nulla... fusione si potrebbe dire... quindi alta energia (non solo la devo usare... è anche racchiusa nel risultato). Non c'entra ma da un'idea di quel che richiede racchiudere completamente l'infinito nel finito (lo spirito nel corpo).
Ray non è connesso  
Vecchio 30-08-2008, 16.38.59   #6
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio

[... ... ... ... ... ]
Lo hai fatto apposta vero?
Vero?

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
Principalmente, non ho ben capito il topic, che occorre energia per le cose più semplici?
La discussione vorrebbe tendere (ma poi andrà dove il flusso la porterà e servirà) a comprendere come allenare la semplicità espressa in ogni campo per poter emanare quella luce di cui il topic, l'ho messa in esoterismo perchè parla di energie da usare ed incanalare al meglio dopo averle attirate e convogliate.
Come ti ha già risposto Ray la questione non è le cose semplici ma la semplicità, cioè la qualità di essere semplici che si oppone a complesso e possiamo anche riprendere la discussione inerente ai complessi.
So che normalmente si pensa che sia semplice essere semplici e che ci complichiamo tantissimo ma allora perchè non ci riusciamo? In parte siamo costretti da una multitudine che ci domina continuamente, siamo abituati ad essere complessi a passare per vicoli pieni di nodi e ghirigori prima di centrare il punto perdendoci spesso e volentieri in pensieri che non mirano direttamente al bersaglio.Questo perchè mirare e mantenere la mira fino al bersaglio corrisponde ad attenzione e concetrazione costante su un solo punto, io credo che questa tensione su un punto dove mira la volontà accumuli energia che poi viene rilasciata sotto forma di semplicità.
Ci sono poi le tante e tante volte che ci nascondiamo dietro il personaggio che vogliamo trasmettere per cui fintanto che recitiamo inconsciamente, non siamo.

Mi piacerebbe parlarne insieme ognuno di noi credo si sia fatto un'idea del perchè non riesce ad essere semplice ogni volta che dice: sarebbe così facile eppure...
Per quel che mi riguarda trovo verissimo la mancanza di forza, la spinta si esaurisce perchè la molla non è caricata abbastanza, vincono così i bisogni e l'apparire.

Mancanza di voglia?
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 30-08-2008, 17.42.20   #7
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Grazie Ray e Sole, qualcosa piano piano comincio a capire.
C'è la tendenza a complicare perchè a volte la semplicità viene scambiata per la normalità e per una cosa troppo scontata.

Credo che l'argomento non gioca a mio favore, perchè a volte tendo a complicare le cose, non so se centra l'argomento ma cose difficili possono riuscirmi, cose che per tutti sono semplici meno.
Anche quando scrivo, mi sembra strano farlo troppo sinteticamente, e tendo a spiegare con un bel po' di parole l'argomento.

Sono sicuro Sole che con qualche esempio pratico riuscirò ad entrare ancora di più nell'argomento.

Astral non è connesso  
Vecchio 30-08-2008, 23.44.03   #8
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
versione A (a bassa energia):
versione B (ad alta energia):
Secondo me sono entrambe ad alta energia, la differenza sta nel fatto che nella seconda concentro in un unico punto mentre nella prima disperdo in una valanga di termini e concetti. Nella prima infatti, anche se nozionistica e "logorroica", mantengo comunque il filo del discorso, cosa che con poca energia non potrei di sicuro fare (e non potrei nemmeno spaziare così "lucidamente" nel campo della dialettica).
Come dice Uno, non basta avere energia, il "segreto" stà anche nel saperla indirizzare...
Kael non è connesso  
Vecchio 31-08-2008, 13.04.41   #9
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio

Sono sicuro Sole che con qualche esempio pratico riuscirò ad entrare ancora di più nell'argomento.

Sono io stessa che vorrei capire bene come fare, però effettivamente se provo a fare esempi magari ci arriviamo, userò un esempio personale al solo scopo di essere chiara.

Ad esempio mi sono accorta diverse volte che quando scrivo un post in forum a seconda di quello che devo scrivere o a chi mi rivolgo tendo a complicarlo. Osservandomi ho visto che la complicazione è una causa data dalla dispersione che si genera da vari bisogni e da varie difese che si mettono in moto appena interagiamo con l'esterno, ma anche con noi stessi. Invece semplificare un pensiero e trasformarlo in parole significa prima di tutto controllare e tenere a bada i bisogni dell'interagire. Successivamente si può parlare di raccogliere quella tensione che si genera dal controllo (mai spasmodico però altrimenti si rischia di reprimere e ci fa male e non bene) ed utilizzarla per trasformare le parole semplicemente e la luce che ne emana è la chiarezza, la pulizia, con cui si riesce a travasarlo.
Quindi diciamo che ad un primo livello la questione è psicologica (ma sempre di energie stiamo parlando) e successivamente il carburante preso dall'azione di osservazione e controlllo viene incanalato ed usato per lo scopo prefissato.
L'energia che si raccoglie attorno al nucleo del pensiero è la non dispersione in altre cose che ci attirano e distolgono dalla vera volontà dell'essere.

Se non è semplice, ci riprovo ancora e magari altri integreranno, intanto ci alleniamo alla semplciità

P.S.
Potremmo farne un gioco in palestra, come quello di tempo fa di spiegare le cose ai bambini...
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 31-08-2008, 21.06.33   #10
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Kael Visualizza messaggio
Secondo me sono entrambe ad alta energia, la differenza sta nel fatto che nella seconda concentro in un unico punto mentre nella prima disperdo in una valanga di termini e concetti. Nella prima infatti, anche se nozionistica e "logorroica", mantengo comunque il filo del discorso, cosa che con poca energia non potrei di sicuro fare (e non potrei nemmeno spaziare così "lucidamente" nel campo della dialettica).
Come dice Uno, non basta avere energia, il "segreto" stà anche nel saperla indirizzare...
Forse è una questione di termini... comunque non intendevo poca e molta quando ho scritto abassa e alta, ma qualcosa di simile a quel che dice Sole quando parla di energia concentrata in un nucleo.
L'energia che mettiamo nelle cose, per esempio in uno scritto, in un certo modo resta in quelle cose o, se vogliamo, nel "legame" che tiene quelle cose unite.
Nella semplicità c'è più energia nel legame e quindi più energia può venir "liberata" in chi legge... la comprensione dello scritto libera maggiore energia, una più alta intuizione. Nella complessità ci sono più legami ed è dispersa (mentre se una cosa è confusa sono i legami stessi a vacillare, nell'esempio ho cercato di mettere due cose che comunque stiano insieme).
Energia di legame un po' simile a quelle contenuta nei legami chimici o atomici...
Ray non è connesso  
Vecchio 31-08-2008, 22.07.00   #11
stella
Organizza eventi
 
L'avatar di stella
 
Data registrazione: 09-04-2006
Messaggi: 2,233
Predefinito

Per parlare e ragionare con semplicità mi viene in mente il Rasoio di Occam, che ha queste semplici regole per affrontare qualsiasi questione:

- Non moltiplicare gli elementi più del necessario.
- Non considerare la pluralità se non è necessario.
- E' inutile fare con più ciò che si può fare con meno.

Perchè non c'è alcun motivo alcuno per complicare ciò che è semplice.
Ora non credo che fare ciò richieda molta energia, la richiede solo se moltiplichiamo gli elementi di una certa questione anche quando non è necessario per dire quello che vogliamo dire.
Ma la semplicità richiede anche poche parole chiare per esprimere concetti complicati, e questa secondo me dipende dal nostro modo di pensare, e anche dal fatto che se si conosce bene l'argomento questo verrà fuori con parole semplici. A tale proposito mi vengono in mente le parabole dei vangeli, che per esprimere concetti molto difficili da comprendere a persone semplici, con similitudini risultavano chiare a tutti.
Forse se ci abituassimo a pensare in maniera semplice e lineare anche i nostri discorsi sarebbero tali.
E come dicono Ray e Sole il sintetizzare e semplificare senza togliere nulla alla profondità del pensiero, imprigiona lì tutta l'energia che si libererà in chi lo riceve.
Il problema pratico è: come si fa a rendere un pensiero profondo in parole semplici ?
Anche leggendo gli aforismi si vede come in una due righe si inserisce un pensiero su cui si potrebbe fare fiumi di parole.....
stella non è connesso  
Vecchio 31-08-2008, 22.47.04   #12
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito

correzione

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
,............Osservandomi ho visto che la complicazione è una causa data dalla dispersione che si genera da vari bisogni e da varie difese che si mettono in moto appena interagiamo con l'esterno, .........
E' stato un lapsus volevo scrivere effetto e non causa
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 31-08-2008, 22.59.54   #13
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Praticamente un salmo o un aforisma potrebbe essere come un file zip, che una volta unzippato tira fuori tutte le informazioni.

Credo che il problema energetico delle parole sia stato già affrontato in altri contesti: guardiamo ad esempio l'essenza ed il contenuto di un libro che può essere racchiuso anche nei simboli.

Anche il Simbolo rappresenta la semplicità, e tutte le tecniche di divinazione si basano sul carpire intuitivamente della sequenza semplice dei simboli, la cui lettura apriva a molte cose.

Tornando ai discorsi, cosa significa moltiplicare le parole in termini pratici? Che significa la pluralità?

Significa che non si dovrebbero fare esempi e paragoni?

Astral non è connesso  
Vecchio 01-09-2008, 01.04.23   #14
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,537
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
..........
Spesso e volentieri ci siamo lamentati di non trovare semplicità discorsiva e non, ma chi di noi non si è trovato a doversi fermare, raccogliere le idee per poter esprimere un concetto in maniera chiara. Quanta energia ci serve per parlare ad un bambino?
Quel fermarsi, è un raccogliersi, raccogliere le parole che sono il veicolo di quel pensiero.
Quindi la semplicità è una forza, è una concentrazione di volontà in un punto, una qualità dell'Essere che dobbiamo allenare.

Mi piacerebbe approfondire l'argomento, anche se apparentemente sembra concludersi in quelle poche parole del quote. La semplicità che raccogliamo intorno al pensiero è una forza che emaniamo noi?
Secondo me, tolti tutti gli orpelli dettati dalla paura del giudizio altrui, dall'immagine , dall'importanza personale (e questa forse è la parte più difficile, perchè almeno per me è molto difficile essere sempre uguale a me stessa, essere quel che sono adesso e basta), quel che rimarrebbe sarebbe proprio la semplicità. Questo solo nel caso un argomento sia ben compreso. Se si comprende qualcosa, sarà anche possibile poi metterlo fuori, a parole o scrivendo, ed è possibile farlo in moltissimi modi se non veniamo capiti. Diversamente se qualcosa non è ben compresa o la si vede per le prime volte, è difficile togliere tutto il contorno, a me capita che più una cosa è nuova e meno riesco ad essere chiara nell'esposizione e anche nel chiedere se non capisco.

Poi oltre al discorso dell'immagine c'è anche il fatto che molto spesso a me capita di preoccuparmi che chi ho di fronte capisca quel che vorrei passare attraverso le parole. Questo fa si che invece di semplificare intorcolo, pensando all'altro (e quindi disperdendo) mentre sto scrivendo, invece che scrivere e concentrare tutto sul concetto.

Le dispersioni sono molte, e complicare credo dipenda molto anche da quanto altro "abbiamo intorno" oltre all'argomento che vogliamo esporre (il farci capire, il mantenere l'immagine che speriamo che passi agli altri etcetc).
Se nel momento in cui si scrivesse (o parlasse se capita dal vivo), ci si focalizzasse solo su ciò che si vuole dire, senza preoccuparsi di null'altro, anche se apparentemente puo' sembrare egoistico, secondo me sarebbe più facile togliere tutto il superfluo..

Infine, un buon uso linguistico non serve a niente se poi ci si perde in mille cose che non siano l'argomento che si vuole trattare. Se non si vede altro che l'argomento, e si lascia un momento da parte sè stessi e gli altri , credo che sia possibile concentrare le proprie energie nella giusta maniera..

Citazione:
Originalmente inviato da Astral
Tornando ai discorsi, cosa significa moltiplicare le parole in termini pratici? Che significa la pluralità?
Per moltiplicare le parole credo che si intenda usarne molte , per descrivere qualcosa per cui ne basterebbero molte meno.. girare intorno all'argomento, allargare troppo, fare dei giri infiniti per arrivare al nocicolo della questione etcetc...

Per la pluralità aspetto anche io lumi, non saprei.
RedWitch non è connesso  
Vecchio 01-09-2008, 09.05.31   #15
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da RedWitch Visualizza messaggio
Secondo me, tolti tutti gli orpelli dettati dalla paura del giudizio altrui, dall'immagine , dall'importanza personale (e questa forse è la parte più difficile, perchè almeno per me è molto difficile essere sempre uguale a me stessa, essere quel che sono adesso e basta), quel che rimarrebbe sarebbe proprio la semplicità. Questo solo nel caso un argomento sia ben compreso. Se si comprende qualcosa, sarà anche possibile poi metterlo fuori, a parole o scrivendo, ed è possibile farlo in moltissimi modi se non veniamo capiti. Diversamente se qualcosa non è ben compresa o la si vede per le prime volte, è difficile togliere tutto il contorno, a me capita che più una cosa è nuova e meno riesco ad essere chiara nell'esposizione e anche nel chiedere se non capisco.

Poi oltre al discorso dell'immagine c'è anche il fatto che molto spesso a me capita di preoccuparmi che chi ho di fronte capisca quel che vorrei passare attraverso le parole. Questo fa si che invece di semplificare intorcolo, pensando all'altro (e quindi disperdendo) mentre sto scrivendo, invece che scrivere e concentrare tutto sul concetto.

Le dispersioni sono molte, e complicare credo dipenda molto anche da quanto altro "abbiamo intorno" oltre all'argomento che vogliamo esporre (il farci capire, il mantenere l'immagine che speriamo che passi agli altri etcetc).
Se nel momento in cui si scrivesse (o parlasse se capita dal vivo), ci si focalizzasse solo su ciò che si vuole dire, senza preoccuparsi di null'altro, anche se apparentemente puo' sembrare egoistico, secondo me sarebbe più facile togliere tutto il superfluo..

Infine, un buon uso linguistico non serve a niente se poi ci si perde in mille cose che non siano l'argomento che si vuole trattare. Se non si vede altro che l'argomento, e si lascia un momento da parte sè stessi e gli altri , credo che sia possibile concentrare le proprie energie nella giusta maniera..



Per moltiplicare le parole credo che si intenda usarne molte , per descrivere qualcosa per cui ne basterebbero molte meno.. girare intorno all'argomento, allargare troppo, fare dei giri infiniti per arrivare al nocicolo della questione etcetc...

Per la pluralità aspetto anche io lumi, non saprei.
E' vero quello che dici Red,
ricordo una bella frase di Montanelli :
dopo aver scritto siamo appena a meta' dell'opera dopo ,bisogna togliere , togliere e togliere, o tagliare , tagliare, tagliare( non ricordo).
Un'altra che conferma quello che hai detto e' dei tempi del liceo :
res tene verba sequentur : se una cosa ce l'hai, la conosci, le parole seguono ;
nikelise non è connesso  
Vecchio 01-09-2008, 10.43.06   #16
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
E' vero quello che dici Red,
ricordo una bella frase di Montanelli :
dopo aver scritto siamo appena a meta' dell'opera dopo ,bisogna togliere , togliere e togliere, o tagliare , tagliare, tagliare( non ricordo).
Un'altra che conferma quello che hai detto e' dei tempi del liceo :
res tene verba sequentu se una cosa ce l'hai, la conosci, le parole seguono ;
Ma il punto non è scrivere e poi togliere e tagliare, ma concentrare le forze in un nucleo centrale che si vuole elaborare e poi emanare. Se prima scrivo ho già disperso tantissimo e se poi taglio mi costa ancora energia che avrei risparmiato se avessi concetrato tutto nel nucleo.
La questione è imparare a non dover togliere e tagliare perchè già capaci di caricare energia ed emettere semplicità.

E' vero che se conosco un argomento lo so riportare chiaro e limpido (che poi non è vero sempre, ci sono persone che non sono in grado di spiegare cose che hanno chiarissime in loro, non tutti hanno il dono dell'insegnamento, la maggiorparte degli scienziati non sono in grado di spiegare ad un bambino cosa accade nell'atomo) ma qui si parla di centrarsi sull'argomento interessato e saper portare chiara anche una domanda che non si riesce ad elaborare. Non si tratta di saper spiegare, ma si tratta di lucidità mentale, o di chiarezza di pensieri e quindi di esposizione (alla luce), per far questo ci vuole eccome energia, è facile e dispersivo distrarsi e girare..
Quindi anche per trovare la domanda giusta ci vuole semplicità.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 01-09-2008, 10.52.47   #17
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito

MI spiego meglio provando a sintetizzare.

Complicazione (scrivendo un papiro prima):ho sprecato la stessa dose di energia e non ho emanato semplicità.
Semplicità: ho usato la stessa dose di energia con il risultato che mi torna indietro con luce invece che con caos.

Sembra facile essere semplice ma non lo è altrimenti saremmo tutti capaci di comprenderci a vicenda perchè non è solo in chi dice la semplicità ma anche in chi ascolta.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 01-09-2008, 19.59.54   #18
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
Praticamente un salmo o un aforisma potrebbe essere come un file zip, che una volta unzippato tira fuori tutte le informazioni.
Bella questa analogia, anche se un file zip comprime relativamente poco rispetto a quanto può fare un aforisma...
Ad ogni modo, la semplicità è il vertice della piramide, da cui poi si discende complicando sempre più, fino alla famosa torre di babele dove ognuno parlava una lingua diversa...

La semplicità la vedo anche come l'energia che occorre mettere per far restare dritto un "filo" (ad esempio un pensiero, si usa dire infatti "ho perso il filo"), cosa non facile se si pensa al turbine della vita e alle continue sollecitazioni o influenze esterne cui può essere sottoposto... Se lo si lascia a se stesso, in pochi attimi si attorciglia su se stesso o attorno a tutte le cose che incontra, si creano nodi, e perde di semplicità...
Kael non è connesso  
Vecchio 01-09-2008, 21.12.32   #19
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,695
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Kael Visualizza messaggio
Bella questa analogia, anche se un file zip comprime relativamente poco rispetto a quanto può fare un aforisma...
Lo sai con quali tipi di file la zippatura (o altro tipo di compressione anche se sembra che esista solo il formato zip ) ha un maggior rapporto di compressione?

In senso probabilistico con i file di testo (parole, parole, parole.....), in senso assoluto con file che hanno più spazi vuoti e/o ripetuti, un immagine molto ricca (per esempio) e piena di particolari si comprime meno di una scialba.

In sostanza usando termini scientifici la zippatura sta alla fisica newtoniana quanto un ologramma/aforisma sta alla fisica quantistica.
In ogni caso al contrario di quello che spesso dicono, anche quando i nostri scienziati conosceranno decentemente la fisica quantistica, avranno ancora bisogno della fisica di Newton e noi a volte di parlare di più.... non per chi ci ascolta, almeno non direttamente e solo per chi ci ascolta.
Uno non è connesso  
Vecchio 01-09-2008, 23.32.32   #20
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 8,029
Predefinito

Se prendiamo un seme in esso è contenuta la pianta stessa esso è la concentrazione mentre la pianta ne è l'espansione.

A questo punto la semplicità si potrebbe paragonare al seme, quando si dice vai al nocciolo della questione. Che presuppone un sacco di difese o di altre cose che ha ben menzionato Red e che ci fanno perdere l'energia attraverso la costruzione del molteplice.

Semplice Ray in un altro 3D aveva spiegato che voleva dire intrecciato una sola volta e questo mi fa venire in mente il numero 1....(quello che contiene in se tutti gli altri gatti)
Quindi per essere semplici dobbiamo aver eliminato la molteplicità per arrivare all'origine.
Vista in quest'ottica la semplicità non è cosa comune e non è per niente facile.

Se esiste la cosa semplice esiste anche la cosa duplice e triplice sino a molteplice quindi vorrebbe dire che è solo quella cosa e non altro, quindi qualcosa di inequivocabile.

Se guardo la parola semplicità mi fa pensare a qualcosa di implicito dentro al nome alla parola.
Quindi l'energia posso concentrala o disperderla nel molteplice?
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA

Ultima modifica di griselda : 01-09-2008 alle ore 23.35.37.
griselda non è connesso  
Vecchio 01-09-2008, 23.38.14   #21
centomila
Ristruttura la casa
 
L'avatar di centomila
 
Data registrazione: 22-12-2007
Messaggi: 305
Predefinito

Non so se la semplicità richieda energia. Probabilmente sì.

Ma qual'è il percorso da fare per arrivare alla semplicità?

Per come la vedo io è l'umiltà la chiave. Laddove umiltà, Dio me ne scampi! non è l'atteggiamento del tapino che si mette in disparte o del falso modesto o di tutte quelle maschere che servono a farci accettare o peggio ancora a chissà quali poco nobili scopi.

Penso a quell'umiltà che mi permette di denudarmi di fronte a voi, per esempio. E quindi di esprimere la verità delle cose. Verità relativa e imperfetta naturalmente ma, insomma......la verità del mio punto di vista........ Trovo la forza di farlo anche perchè, non me ne vogliate, sono convintissimo che gli altri abbiano debolezze quantomeno equivalenti alle mie.

E dunque ascolto, cerco di andare al punto, dico la mia se penso possa essere di aiuto a me o agli altri e, infine, concludo. Spesso in silenzio.

Sintetizzando: umiltà=verità=semplicità.
__________________
L'unico vero insuccesso nella lotta consiste nello smettere di combattere.
centomila non è connesso  
Vecchio 01-09-2008, 23.44.30   #22
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Lo sai con quali tipi di file la zippatura (o altro tipo di compressione anche se sembra che esista solo il formato zip ) ha un maggior rapporto di compressione?

In senso probabilistico con i file di testo (parole, parole, parole.....), in senso assoluto con file che hanno più spazi vuoti e/o ripetuti, un immagine molto ricca (per esempio) e piena di particolari si comprime meno di una scialba.

In sostanza usando termini scientifici la zippatura sta alla fisica newtoniana quanto un ologramma/aforisma sta alla fisica quantistica.
In ogni caso al contrario di quello che spesso, dicono anche quando i nostri scienziati conosceranno decentemente la fisica quantistica, avranno ancora bisogno della fisica di Newton e noi a volte di parlare di più.... non per chi ci ascolta, almeno non direttamente e solo per chi ci ascolta.
Perchè avremo bisogno di parlare di più? Forse perchè non possiamo reggere abbastanza a lungo una modalità ad altra frequenza di concentrazione? Usare le parole come scarico della mente più "bassa", come radicamento a terra?
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 02-09-2008, 09.46.05   #23
nikelise
Organizza eventi
 
L'avatar di nikelise
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 2,329
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Sole Visualizza messaggio
Ma il punto non è scrivere e poi togliere e tagliare, ma concentrare le forze in un nucleo centrale che si vuole elaborare e poi emanare. Se prima scrivo ho già disperso tantissimo e se poi taglio mi costa ancora energia che avrei risparmiato se avessi concetrato tutto nel nucleo.
La questione è imparare a non dover togliere e tagliare perchè già capaci di caricare energia ed emettere semplicità.

E' vero che se conosco un argomento lo so riportare chiaro e limpido (che poi non è vero sempre, ci sono persone che non sono in grado di spiegare cose che hanno chiarissime in loro, non tutti hanno il dono dell'insegnamento, la maggiorparte degli scienziati non sono in grado di spiegare ad un bambino cosa accade nell'atomo) ma qui si parla di centrarsi sull'argomento interessato e saper portare chiara anche una domanda che non si riesce ad elaborare. Non si tratta di saper spiegare, ma si tratta di lucidità mentale, o di chiarezza di pensieri e quindi di esposizione (alla luce), per far questo ci vuole eccome energia, è facile e dispersivo distrarsi e girare..
Quindi anche per trovare la domanda giusta ci vuole semplicità.
Sole, forse anzi sicuramente hai ragione : ci vuole energia, ma se dovessi cominciare ad essere semplice dopo aver letto il tuo intervento di sopra non saprei da dove cominciare .
Poi, conoscere un argomento a fondo ti consente di avere la chiarezza per fare la domanda giusta cioe' per conoscere quello che viene dopo o per approfondire.
Il punto e' , a mio avviso,che la semplicita' e' il punto di arrivo di un processo senz'altro faticoso come avviene per tutte le cose non puo' essere il punto di partenza .
All'inizio e' per forza il caos.
Ecco allora i consigli di uno che qualcosa ha scritto tipo Montanelli o di chi tanto tempo fa il problema lo ha gia' affrontato.
nikelise non è connesso  
Vecchio 02-09-2008, 11.37.31   #24
Sole
Conosce ogni vicolo
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 5,653
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da nikelise Visualizza messaggio
Sole, forse anzi sicuramente hai ragione
Questa frase serve tanto più a te che a me

Citazione:
Poi, conoscere un argomento a fondo ti consente di avere la chiarezza per fare la domanda giusta cioe' per conoscere quello che viene dopo o per approfondire.
Il punto e' , a mio avviso,che la semplicita' e' il punto di arrivo di un processo senz'altro faticoso come avviene per tutte le cose non puo' essere il punto di partenza .
All'inizio e' per forza il caos.
Ecco allora i consigli di uno che qualcosa ha scritto tipo Montanelli o di chi tanto tempo fa il problema lo ha gia' affrontato.
Mi trovavo d'accordo con la tua frase nerettata anche se non la nerettavi, sai?
Nei miei post precedenti infatti lo dico, non so se hai letto, ci dobbiamo allenare ad essere la semplicità, è fatico e pertanto essendo un punto di arrivo corrisponde ad un lavoro, anzi ad un Lavoro e quindi spende energia. A sto punto non vedo la divergenza...
Quel che dicevano tanto tempo fa non lo so, non sapendo a chi ti riferisci e lasciando la cosa misteriosamente in sospeso (dai che gioco un pò, ma lo fai spesso.. ), ma siccome anche se è stato già detto magari parlarne oggi con l'evoluzione attuale qualcosa cambia e non è inutile alla comprensione delle cose, essendo l'Universo in movimento, mi piacerebbe sentire te, le tue elaborazioni in merito e non cosa dicono gli altri, magari scopriamo qualcosa.

Quello che dicevo sopra a proposito del fatto di tagliare e togliere non era una critica a Montanelli, che ho solo preso come spunto, anche se tutti (per fortuna) su questa terra siamo soggetti a critiche e miglioramenti, ma se si ha bisogno di togliere e tagliare evidentemente non si è ancora in grado di Essere direttamente Semplici ma ci si sta allenando. In tal senso dicevo. Lui si allenava, perchè per sua ammissione aveva bisogno di semplificare.
Invece per la ricerca della domanda, se conosco un argomento a fondo non ho la domanda ho le risposte (che poi la cosa in quel caso coincide ok... ) ma appunto se sono li a cercare la domanda piena di tutte le sovrastrutture arzigolate e difese e paure e chiusure, non la troverò, ma cercherò la domanda ad esempio per fare bella figura, per apparire, non per essere ma per avere.

Ecco, la semplicità corrisponde ad un Essere e la complicazione ad un Avere.
__________________
Se non sarò me stesso chi lo sarà per me? E se non ora, quando?
Sole non è connesso  
Vecchio 02-09-2008, 11.49.34   #25
Grey Owl
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Grey Owl
 
Data registrazione: 24-01-2006
Messaggi: 2,100
Predefinito

In ogni cosa che facciamo mettiamo energia (e prendiamo energia), un continuo scambio di energie e' alla base dell'esistenza.

Si comunica un concetto per condividere con altri emozioni, per allentare le proprie tensioni, per confermare i propri dubbi, per chiedere aiuto e per molti altri motivi che transitano nella personalita' e nascono dal nostro essere.

Quando esprimo un concetto metto la mia impronta che e' composta dal mio stato dell'essere in quel momento. Quando scrivo un post questo sara' frutto (condizionato) dalla mia personalita' e dal mio essere.

La semplicita' e' un ponte tra quello che esprimo e quello che viene percepito da chi ascolta. Per alcuni bastano poche parole dette nel momento giusto al posto giusto, ad altri servono piu' parole per diluire un concetto che richiede un processo di digestione piu' lungo.

Per analogia un concetto e' paragonabile ad un boccone che per alcuni stomaci puo' risultare digeribile mentre per altri richiede una "masticazione" piu' lunga.

Le parole sono come gli elementi nutrizionali che compongono il boccone, un alimento poco raffinato ha in se' scorie che il corpo espellera', mentre un alimento raffinato arriva direttamente nel corpo con un'effetto immediato.
Un esempio puo' essere il pane integrale che viene assimilato con un tempo maggiore (rispetto al pane raffinato), ritardando il senso di fame.

Ritengo che non si tratti di spendere piu' o meno energie nella semplicita' ma di cosa si vuole veicolare (boccone) e quale e' lo scopo ultimo di questa azione.
Grey Owl non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Accumulo di energia? Uno Esoterismo 59 13-11-2011 00.42.07
Dispersioni e "risparmi" di energia RedWitch Esoterismo 19 20-01-2011 23.21.36
Semplicità RedWitch Psicologia moderna e antica 21 06-02-2008 02.12.30
Sistemi per la produzione di energia elettrica ellebi111 Scienza 9 09-07-2007 11.57.20


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 12.44.47.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271