Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Psicologia moderna e antica

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 15-02-2012, 10.02.07   #26
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,695
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
tutto deve essere equilibrato, nella non dualità,
Questo è un ossimoro involontario che mai potrebbe sfociare in un paradosso
Uno non è connesso  
Vecchio 15-02-2012, 12.00.47   #27
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

I tiepidi non piacciono a Dio (sta scritto sulla Bibbia) non me lo sono inventato io, che o li vuole freddi o li vuole caldi.

Si parla di realismo, ma quanto effettivamente una persona sa essere realista e obbiettiva?

Se guardiamo chi ha fatto le cose in grande, è perchè è uscito fuori dalle regole del realismo, la società era cosi, e ti dovevi rassegnare, se non avesse avuto un pensiero non dico ottimista, ma diverso dal solito, sicuramente le cose non sarebbero cambiate.

Se una donna avesse pensato che tanto la realtà era che lei doveva fare la sguattera per sempre all'uomo, e non poteva neanche votare, perchè essendo realisti, le cose erano così, non sarebbe mai cambiato nulla.
Quando qualcuna ha cominciato a crederci e a fare qualcosa, forse allora le cose sono cambiate.

Le mie non sono critiche, ma sto cercando di capire, senno è troppo facile dire che dobbiamo stare sempre nel mezzo.

Sicuramente un imprenditore deve valutare pro e contro per la sua azienda, quindi l'ideale sarebbe 51% ottimismo e 49% pessimismo. Ma vale per ogni situazione?

Secondo me c'è la valutazione della realtà e in questo caso, si occorre essere più obbiettivi possibili (ricordando che ci sfuggono un infinità di variabili e che il nostro pensiero è influenzato dalla cultura).
Poi si può non agire, agire con entusiasmo o determinazione, agire tanto per... agire sconfortati e pensando che tutto andrà male..

Poi c'è il discorso che il pensiero influenza, se penso che le cose vanno male, andranno veramente male.
__________________
Astral

Ultima modifica di Astral : 15-02-2012 alle ore 12.03.37.
Astral non è connesso  
Vecchio 15-02-2012, 12.23.27   #28
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,273
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
I tiepidi non piacciono a Dio (sta scritto sulla Bibbia) non me lo sono inventato io, che o li vuole freddi o li vuole caldi.

Si parla di realismo, ma quanto effettivamente una persona sa essere realista e obbiettiva?

Se guardiamo chi ha fatto le cose in grande, è perchè è uscito fuori dalle regole del realismo, la società era cosi, e ti dovevi rassegnare, se non avesse avuto un pensiero non dico ottimista, ma diverso dal solito, sicuramente le cose non sarebbero cambiate.

Se una donna avesse pensato che tanto la realtà era che lei doveva fare la sguattera per sempre all'uomo, e non poteva neanche votare, perchè essendo realisti, le cose erano così, non sarebbe mai cambiato nulla.
Quando qualcuna ha cominciato a crederci e a fare qualcosa, forse allora le cose sono cambiate.
Però un conto è essere realisti sul serio e un conto è aver smesso di lottare e/o adagiarsi sulle regole della massa, le due cose sono diverse.

La spinta maggiore la dovresti avere se utilizzi la propulsione data dal bello e dal brutto, non solo da uno di questi due elementi, altrimenti rischi di girare in tondo.

A volte le visioni "nere" aprono scenari maggiori di quelli che si aprono a chi si adagia a vedere solo un pò di bianco.
Poi non basta vedere, bisogna camminare immerso in ogni secondo, con ogni tempo che c'è sulla nostra strada.
__________________
in tenebris lux factus sum

Ultima modifica di luke : 15-02-2012 alle ore 12.28.12.
luke non è connesso  
Vecchio 15-02-2012, 12.31.33   #29
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da luke Visualizza messaggio
A volte le cose "nere" aprono scenari maggiori di quelli che si aprono a chi si adagia a vedere solo un pò di bianco.
Si ma la spinta è sempre verso il Bene e l'Evoluzione, altrimenti non ci porremo nemmeno il problema, è ovvio che esiste il dolore e la gioia, la sofferenza e la letizia, ma poi devi scegliere, i lati oscuri sono ciò da cui partire per cambiare.
La sofferenza va accettata, ma sfortunatamente noi la ampliamo più del dovuto.
Aver smesso di lottare secondo me stai già nel pessimismo...ma qualcuno lo chiama adattarsi all'ambiente.

Si impara dalla gioia, ma visto che l'uomo non ne è capace, allora serve soffrire, si si è imparato questo concetto, le esperienze successive saranno sempre meno dolorose, e per tracciare i contorni si capirà che non bisogna usare sempre il nero...
__________________
Astral
Astral non è connesso  
Vecchio 15-02-2012, 12.37.45   #30
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,695
Predefinito

Io non ne farei una linea: pessimista, realista, ottimista.
Farei una linea: pessimista/annichilito, realista, sognatore/fantasticante

L'ottimista può essere realista, ovvio purchè non sia come si dice sfegatato. Il pessimista invece non è mai realista.

Chi ha fatto grandi cose (non le cose in grande, che è diverso) non è uscito dalla realtà ha solo trovato il modo di usarla meglio.
Chi fa le cose in grande si invece, esce dal realismo, fantastica, sogna... a volte gli va anche bene (a livello personale) ma poi deve pagare il conto.
Uno non è connesso  
Vecchio 15-02-2012, 12.41.45   #31
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,273
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio

Si impara dalla gioia, ma visto che l'uomo non ne è capace, allora serve soffrire, si si è imparato questo concetto, le esperienze successive saranno sempre meno dolorose, e per tracciare i contorni si capirà che non bisogna usare sempre il nero...
Più che altro non vivendo nel paradiso terrestre, partire per andare subito verso l'alto rischia di farti ritrovare a terra poco dopo, più di qualche saltello non fai.
Se vai in basso, prima in modo inconsapevole, poi necessariamente consapevole se no non serve, puoi prendere la rincorsa, comprimere la molla, tipo quei delfini che negli spettacoli vanno prima giù giù nell'acqua in modo da avere la spinta per saltare 5 metri fuori dall'acqua.
__________________
in tenebris lux factus sum
luke non è connesso  
Vecchio 15-02-2012, 12.53.03   #32
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Io non ne farei una linea: pessimista, realista, ottimista.
Farei una linea: pessimista/annichilito, realista, sognatore/fantasticante

L'ottimista può essere realista, ovvio purchè non sia come si dice sfegatato. Il pessimista invece non è mai realista.

Chi ha fatto grandi cose (non le cose in grande, che è diverso) non è uscito dalla realtà ha solo trovato il modo di usarla meglio.
Chi fa le cose in grande si invece, esce dal realismo, fantastica, sogna... a volte gli va anche bene (a livello personale) ma poi deve pagare il conto.
Si infatti oppure l'ottimista sognatore vive nell'illusione, e quindi a volte non realizza nulla nel piano materiale. Io punto a favore dell'ottimismo per una questione energetica e perchè la realtà è appunto rea, colpevole. Mia madre disse metti zucchero nel caffè perchè è già tanta amara la vita! In effetti una punta di positività serve e lo dice uno che a volte è abbastanza scuro.
I santi hanno sofferto molto ma erano sempre felici mi sembra, anche perchè Santo significa felice tra i tanti significati.
Poi è ovvio che se riusciamo a sfruttare le ombre accettandole ben venga, ma poi ci deve essere sempre una trasformazione.
Non convieni?

Citazione:
Originalmente inviato da luke Visualizza messaggio
Più che altro non vivendo nel paradiso terrestre, partire per andare subito verso l'alto rischia di farti ritrovare a terra poco dopo, più di qualche saltello non fai.
Se vai in basso, prima in modo inconsapevole, poi necessariamente consapevole se no non serve, puoi prendere la rincorsa, comprimere la molla, tipo quei delfini che negli spettacoli vanno prima giù giù nell'acqua in modo da avere la spinta per saltare 5 metri fuori dall'acqua.
Filosofia
__________________
Astral
Astral non è connesso  
Vecchio 15-02-2012, 13.28.48   #33
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,273
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio



Filosofia
Più che filosofia vita vissuta....
__________________
in tenebris lux factus sum
luke non è connesso  
Vecchio 15-02-2012, 13.58.54   #34
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,695
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral Visualizza messaggio
Si infatti oppure l'ottimista sognatore vive nell'illusione, e quindi a volte non realizza nulla nel piano materiale. Io punto a favore dell'ottimismo per una questione energetica e perchè la realtà è appunto rea, colpevole. Mia madre disse metti zucchero nel caffè perchè è già tanta amara la vita! In effetti una punta di positività serve e lo dice uno che a volte è abbastanza scuro.
I santi hanno sofferto molto ma erano sempre felici mi sembra, anche perchè Santo significa felice tra i tanti significati.
Poi è ovvio che se riusciamo a sfruttare le ombre accettandole ben venga, ma poi ci deve essere sempre una trasformazione.
Non convieni?
Non capisco perchè estremizzare l'ottimista con il sognatore.
L'estremo esiste come in tutte le cose, ma l'ottimista normale non è un sognatore, semplicemente è aperto alla soluzione anche quando questa soluzione non è ancora visibile.
Il pessimista invece rifiuta di vedere la soluzione anche quando l'ha davanti agli occhi.
Il sognatore scambia quello che immagina con la realtà.
Neanche il realista estremo è una condizione invidiabile.

Io dico che non è bene un pizzico di positività, è bene essere positivi il che non significa dissetarsi con l'aria del mezzo bicchiere che non contiene acqua, significa essere coscienti che ora che ho finito di bere l'acqua del mezzo bicchiere potrei (non è detto ma potrei) trovare come riempire l'altra metà.

Questo significa la storia del bicchiere
Pessimista vede il mezzo bicchiere vuoto
Il realista vede il mezzo bicchiere pieno
L'ottimista vede il mezzo bicchiere pieno e vede un altro mezzo bicchiere che può essere riempito.

L'ottimista, se non è estremista, vede e usa la realtà ed è pronto alle potenzialità
Il pessimista rifiuta entrambe
il realista vede solo la realtà
il sognatore (o l'ottimista estremista che però è, appunto un estremo non la norma) vede solo le potenzialità, ma non usando la realtà in pratica rimane lontano anche dalle potenzialità che non potranno mai concretizzarsi.
Uno non è connesso  
Vecchio 15-02-2012, 14.47.49   #35
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,273
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Non capisco perchè estremizzare l'ottimista con il sognatore.
L'estremo esiste come in tutte le cose, ma l'ottimista normale non è un sognatore, semplicemente è aperto alla soluzione anche quando questa soluzione non è ancora visibile.
Il pessimista invece rifiuta di vedere la soluzione anche quando l'ha davanti agli occhi.
Il sognatore scambia quello che immagina con la realtà.
Neanche il realista estremo è una condizione invidiabile.

Io dico che non è bene un pizzico di positività, è bene essere positivi il che non significa dissetarsi con l'aria del mezzo bicchiere che non contiene acqua, significa essere coscienti che ora che ho finito di bere l'acqua del mezzo bicchiere potrei (non è detto ma potrei) trovare come riempire l'altra metà.

Questo significa la storia del bicchiere
Pessimista vede il mezzo bicchiere vuoto
Il realista vede il mezzo bicchiere pieno
L'ottimista vede il mezzo bicchiere pieno e vede un altro mezzo bicchiere che può essere riempito.

L'ottimista, se non è estremista, vede e usa la realtà ed è pronto alle potenzialità
Il pessimista rifiuta entrambe
il realista vede solo la realtà
il sognatore (o l'ottimista estremista che però è, appunto un estremo non la norma) vede solo le potenzialità, ma non usando la realtà in pratica rimane lontano anche dalle potenzialità che non potranno mai concretizzarsi.
Magari sono io che confondo i termini e/o le situazioni, ottimista e realista in particolare...

Non si deve per forza esasperare l'ottimista in sognatore ma neanche il pessimista nel disperato ad ogni costo.
Sono due situazioni , a mio avviso, speculari che possono essere più o meno vicine alla realtà, più sono vicine ad essa meglio è.
Il realista, condizione che non si ha di default ma si raggiunge dopo sforzi, sta sopra ad entrambi, i quali si muovono sulla stessa retta , chi in un senso chi nell'altro, mentre il realista sta sopra la retta, èil vertice alto del triangolo , ed è lui che immerso nella realtà, non solo nel visibile sottomano positico o negativo , può vedere alternative e potenzialità, il bicchiere, la parte piena, la parte vuota, i ragni che stanno entrando nel bicchiere e che l'ottimista non vede...

Per fare un esempio commerciale,se uno vende macchine da scrivere e gli affari iniziano ad andargli male, se è ottimista pensa che domani miglioreranno, se è pessimista pensa che peggioreranno, se è realista, con gli occhi e le orecchie aperta a tutto e non solo ad una parte, capisce che è ora di smettere di vendere macchine da scrivere e cominciare intanto a produrre computer....
__________________
in tenebris lux factus sum

Ultima modifica di luke : 15-02-2012 alle ore 14.51.10.
luke non è connesso  
Vecchio 15-02-2012, 15.31.32   #36
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 8,029
Predefinito

Quando sono pessimista voglio un po' crogiolarmi in quel che mi succede mi voglio sentire piccolo e nero magari posizione acquisita (meccanismo) un po' anche così non è colpa mia....evito tutte le conseguenze mentali e non del caso
Mente in quel momento troppo chiusa

Quando sono ottimista mi tiro su le maniche ho un imprintig buono e ricordo quel buon sapore che sforzandomi un po' di più o cambiando modalità etc ritroverò la strada che pare io abbia perso
In pratica il mio nutrirmi è in questo modo nel credere che dietro l'angolo ci possa essere qualcosa per me anche se non so cosa
Mente in quel momento aperta

Troppo aperta il sognatore che poi si perde però l'azione, troppo femminile e quasi nullo maschile

Il realista mi da l'idea di quel che ha paura o comunque non sa gestire o non vuole, vivere, sentire, provare le altre due situazioni forse le ha provate entrambe e gli hanno lasciato un gusto amaro in bocca ecco perchè ora sa se ne è consapevole che sono dei modi di vedere che accompagnano quel modo di essere ma li vuole superare o non ha più necessità di sostarvi e quindi fa al nocciolo della questione

Entrambe servono per comprendere come ci si trova all'interno e come ci si trova chi vive quella posizione in quel momento
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 15-02-2012, 15.47.27   #37
diamantea
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di diamantea
 
Data registrazione: 29-03-2010
Messaggi: 3,267
Predefinito

Il tiepido mi sembra il fatalista, che non si prende la responsabiltà di scegliere e quindi accetta qualsiasi cosa piova dal cielo purchè piova da solo.
__________________
"Mi manca già la tua presenza, ma fai parte di me e per questo non sei mai andata via"
diamantea non è connesso  
Vecchio 15-02-2012, 23.19.23   #38
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio

L'ottimista, se non è estremista, vede e usa la realtà ed è pronto alle potenzialità
Il pessimista rifiuta entrambe
il realista vede solo la realtà
il sognatore (o l'ottimista estremista che però è, appunto un estremo non la norma) vede solo le potenzialità, ma non usando la realtà in pratica rimane lontano anche dalle potenzialità che non potranno mai concretizzarsi.
Io non la vedo così. Sarà una questione di termini, ma per me il realista, se vede davvero la realtà, vede anche le sue potenzialità, sia positive che negative e le sa valutare (nei limiti di quanto è possibile) e quindi è pronto ad entrambe. L'ottimista è vero che vede alcune potenzialità, ma cerca di ignorare quelle negative.
Concordo su sognatore e pessimista.
__________________

Ray non è connesso  
Vecchio 16-02-2012, 10.40.51   #39
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,695
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Io non la vedo così. Sarà una questione di termini, ma per me il realista, se vede davvero la realtà, vede anche le sue potenzialità, sia positive che negative e le sa valutare (nei limiti di quanto è possibile) e quindi è pronto ad entrambe. L'ottimista è vero che vede alcune potenzialità, ma cerca di ignorare quelle negative.
Concordo su sognatore e pessimista.
Le potenzialità non sono visibili, non tutte, da un realista che non conosca tutta la realtà.
In sostanza l'ottimista crede anche alle potenzialità che non vede o non vede bene e poi le cerca, il realista vede solo quelle in cui sbatte il naso, ma se ne ha una a 10 cm di distanza la ignora.
L'ottimista ignora le potenzialità negative?
Allora non è più un ottimista ma un sognatore, a meno che non parliamo di un ottimista sfegatato, estremista.
Posso concordare che l'ottimista sia come il realista nelle negatività, cioè non valuta e prende in considerazioni quelle a più di 10 cm dal naso. Ma non è sano come atteggiamento? Perchè dovrei preoccuparmi di un possibile evento negativo finchè non è neanche in vista?
Il pessimista invece esclude anche le potenzialità positive che sono già in vista e non parlo di un pessimista estremista.

In questo caso il discorso scala-opposti va un pò modificato rispetto ad altre scale.
L'ottimista ha qualcosa in più, il pessimista qualcosa in meno..... o per dirla meglio il primo è più integrato nell'ambiente, il secondo meno. Questo lo possiamo osservare anche psicologicamente e nei rapporti interpersonali dei due.

Quindi se prendessimo il fondo scala della retta pessimista-ottimista a se stante, in uno spazio asettico, è vero tutto quello che hai detto, ma se inseriamo i due nell'ambiente le cose cambiano e di parecchio.

Luke l'ottimista inizia a investire sui computer ancor prima che le macchine da scrivere abbiano finito di essere appetibili, ne vede già le potenzialità.
Può essere che il mercato delle macchine da scrivere finisca e lui quasi non se ne accorga, ma ha aperto un altro portone prima che si sia chiusa la porta.
Il realista aspetta prima di vendere o svendere tutte le macchine da scrivere che ha in magazzino, poi cerca di informarsi se sti nuovi computer si venderanno, se la gente li apprezza, poi con calma inizia a comprarne/produrne pochi. Non rischia nulla, questo si, l'ottimista a volte può rischiare qualcosa, ma se fa le cose con la testa alla fine dei giochi sarà sempre in vantaggio rispetto al realista.

Voglio ripetere che per ottimista non intendo quello che pensa tutto il giorno che le cose andranno bene (quello è un sognatore) ma intanto sta fermo. Intendo uno che lavora, fa e si muove ma ha fiducia nella provvidenza.
Uno non è connesso  
Vecchio 16-02-2012, 13.39.29   #40
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Voglio ripetere che per ottimista non intendo quello che pensa tutto il giorno che le cose andranno bene (quello è un sognatore) ma intanto sta fermo. Intendo uno che lavora, fa e si muove ma ha fiducia nella provvidenza.
Allora il realista non ha bisogno della provvidenza in quanto crea la sua realtà e calcolando i rischi a cui andrà/potrebbe andare in contro valuta ogni variabile secondo le varie opportunità che gli si presentano.
Non ha bisogno della provvidenza in quanto si crea lui la situazione tale da "coprirsi le spalle".
Ma se l'ottimista ha fiducia nella provvidenza (o in se stesso?) il pessimista in cosa è sfiduciato??

Il pessimista vede ogni sviluppo futuro in negativo ed il manifestarsi di alcune di queste "sfortune" lo porta a confermare ulteriormente questa visione nera.
Ma se l'ottimista ha fiducia nella provvidenza, il pessimista non ne ha? Non penso sia così...
Lo vedrei più dedicato al culto della sfi.. ehm sfortuna..
__________________
Non ho bisogno di chi la pensa come me, ma di crescere aprendo la mente a diversi modi di vedere e di pensare.
Faltea non è connesso  
Vecchio 16-02-2012, 13.54.26   #41
luke
Organizza eventi
 
L'avatar di luke
 
Data registrazione: 27-03-2009
Messaggi: 2,273
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Voglio ripetere che per ottimista non intendo quello che pensa tutto il giorno che le cose andranno bene (quello è un sognatore) ma intanto sta fermo. Intendo uno che lavora, fa e si muove ma ha fiducia nella provvidenza.
Si ho capito il concetto...
IO scambiavo l'ottimista sognatore con l'ottimista e l'ottimista con il realista, e il realista con ...boh?

Più che altro in genere ho incontrato casi di ottimisti sognatori che volevano autoconvincersi che le cose andranno sempre bene, sorridi alla vita ecc e poi hanno fatto il botto , quindi magari identificavo l'ottimista con questa sottospecie

Forse non sono neanche pessimista come credo di essere, cioè concordo che i pessimista può lasciarsi sfuggire le occasioni più sfumate, impercettibili , cripitche, ma quelle decentemente visibili, magari in modo più stentato credo di vederle, o di muovermi per quanto possibile per cercare di trovarle.
Certo se fossi ottimista, se di qua se di la, le cose sarebbero diverse, ma quando ci sono troppi se di mezzo già significa parlare di fantasie e di cose non ottenibili, a prescindere dalla fatica che uno può fare, ma proprio di strutture esistenziali diverse.

Per ciò che è possibile vedo di muovermi e captare, al limite sono pessimista, magari meno di quel che penso, ma mica sono demente.....
__________________
in tenebris lux factus sum
luke non è connesso  
Vecchio 16-02-2012, 14.15.01   #42
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

La combinazione più comune? Essere ottimisti quando le cose vanno bene e diventare pessimisti quando vanno male.
Comunque Uno ha espresso con parole diverse quello che io intendevo per essere positivi, in senso creativo e attivo non in senso positivo.

Rispondendo a Faltea potrei dire che esiste il pessimista passivo che è la vittima, ed il pessimista attivo che disturba gli altri, augurandogli che le cose gli vadano male per confermare la sua visione pessimista, seminando tristezza, panico, negatività e problemi. Si, quest'ultimo serva la dea Sfiga.

l'ottimista ha fiducia nella provvidenza, il realista forse nella prevvidenza.
__________________
Astral

Ultima modifica di Astral : 16-02-2012 alle ore 14.17.46.
Astral non è connesso  
Vecchio 16-02-2012, 15.39.06   #43
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
Il realista aspetta prima di vendere o svendere tutte le macchine da scrivere che ha in magazzino, poi cerca di informarsi se sti nuovi computer si venderanno, se la gente li apprezza, poi con calma inizia a comprarne/produrne pochi. Non rischia nulla, questo si, l'ottimista a volte può rischiare qualcosa, ma se fa le cose con la testa alla fine dei giochi sarà sempre in vantaggio rispetto al realista.

Voglio ripetere che per ottimista non intendo quello che pensa tutto il giorno che le cose andranno bene (quello è un sognatore) ma intanto sta fermo. Intendo uno che lavora, fa e si muove ma ha fiducia nella provvidenza.
Concordo sul fatto che l'ottimista tende a muoversi e il pessimista a stare fermo, ma io vedo (forse vedevo, dato che considero quello che dici) il realista in modo diverso. Per me un realista, per essere tale, deve conoscerla sta realtà, non limitarsi a quello che gli passa sotto il naso. Quindi rischia, quando ritiene sia conveniente, considerando anche gli aspetti e possibilità negative, ossia senza "essere sicuro" che vada tutto bene. Mentre vedo l'ottimista (da ottimo, non meglio... non si chiama meglista) rischiare anche fuori luogo, dando per buone a priori, o semplicemente aggrappandosi, a possibilità positive anche quando sono diciamo improbabili (volevo dire piccole, ma nessuno dei due termini mi soddisfa del tutto). Pare che tu questo ottimista lo consideri un estremista, se ho capito.

Saranno i termini che mi ingannano, ma ottimo e pessimo non sono meglio e peggio. Dovremmo vedere allora, a mezzo scala, miscugli di ottimismo e pessimismo presenti nel singolo individuo che lo pongono in determinati punti tra i due estremi (che forse non esistono), ma allora si parla di tendenze e di linee di massima, e l'equilibrio tra le due tendenze sarebbe difficile da stabilire, rischiando di cadere nel discorso di Astral della neutralità. Invece, se per te l'ottimismo è meglio, purchè moderato, l'equilibrio migliore diventa instabile.

In ogni caso, per capirci, sull'esempio delle macchine per scrivere per me il realista vede il decadere delle prime e investe sui secondi cercando di aprire futuri portoni e sbarazzarsi, si anche svendendo, dei futuri avanzi, mentre l'ottimista, a seconda di come ragiona, lo vedo sia avanzare imperterrito sulle macchine da scrivere tanto andrà bene, ignorando i segnali di decadimento, sia buttarsi a capofitto nei computer in quanto nuova potenzialità senza preoccuparsi più delle macchine per scrivere. Il pessimista non fa nulla perchè non si era dotato neanche delle macchine per scrivere , il sognatore stessa cosa, anche se immagina già aggeggi che scrivono rispondendo al suo pensiero... ma non può fare nulla perchè non ha la terra sotto i piedi grazie alla quale muoversi.
__________________

Ray non è connesso  
Vecchio 16-02-2012, 16.01.10   #44
Edera
Bannato/a
 
Data registrazione: 28-04-2009
Messaggi: 1,834
Predefinito

Se uno è ottimista, può diventare pessimista e viceversa? Se io fossi tendezialmente pessimista e volessi diventare ottimista, assodato che ripetere 100 volte al giorno 'sono ottimista' non porta buone cose come potrei fare? Forse è una cosa possibile solo per gradi e con l'esperienza, cioè aprendo piano la porta a un nuovo modo di vedere e cercando di metterlo in pratica. Così facendo, i riscontri positivi che andrei a mettere nel bagaglio personale, mi permetterebbero di ri-orientare la mia bussola
Edera non è connesso  
Vecchio 16-02-2012, 16.47.50   #45
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 8,029
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
In ogni caso, per capirci, sull'esempio delle macchine per scrivere per me il realista vede il decadere delle prime e investe sui secondi cercando di aprire futuri portoni e sbarazzarsi, si anche svendendo, dei futuri avanzi, mentre l'ottimista, a seconda di come ragiona, lo vedo sia avanzare imperterrito sulle macchine da scrivere tanto andrà bene, ignorando i segnali di decadimento, sia buttarsi a capofitto nei computer in quanto nuova potenzialità senza preoccuparsi più delle macchine per scrivere. Il pessimista non fa nulla perchè non si era dotato neanche delle macchine per scrivere , il sognatore stessa cosa, anche se immagina già aggeggi che scrivono rispondendo al suo pensiero... ma non può fare nulla perchè non ha la terra sotto i piedi grazie alla quale muoversi.
Da come lo descrivi l'ottimista pare un incosciente , il pessimista incosciente masochista annichilito il sognatore un folle in pratica la possibilità ce l'ha solo chi usa la ragione gli altri al macero scusa eh ma mi hai fatto sorridere
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 16-02-2012, 16.53.48   #46
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 8,029
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Edera Visualizza messaggio
Se uno è ottimista, può diventare pessimista e viceversa? Se io fossi tendezialmente pessimista e volessi diventare ottimista, assodato che ripetere 100 volte al giorno 'sono ottimista' non porta buone cose come potrei fare? Forse è una cosa possibile solo per gradi e con l'esperienza, cioè aprendo piano la porta a un nuovo modo di vedere e cercando di metterlo in pratica. Così facendo, i riscontri positivi che andrei a mettere nel bagaglio personale, mi permetterebbero di ri-orientare la mia bussola
Secondo me quando non riesco ad essere ottimista è perchè ho paura quindi credo che sia quella ad alimentare il pessimismo.
Me ne rendo conto ad esempio quando vedo come mi è facile essere ottimista con il c..o degli altri

Pessimista a lungo termine verso cose che ho provato e riprovato senza esito.

Per il resto resto pigramente (e non solo) sognatrice
__________________
------------------------

ORDINE RITMO ARMONIA
griselda non è connesso  
Vecchio 16-02-2012, 19.59.13   #47
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da griselda Visualizza messaggio
Da come lo descrivi l'ottimista pare un incosciente , il pessimista incosciente masochista annichilito il sognatore un folle
Si esatto. Però la possibilità ce l'hanno tutti.
__________________

Ray non è connesso  
Vecchio 16-02-2012, 21.39.44   #48
Edera
Bannato/a
 
Data registrazione: 28-04-2009
Messaggi: 1,834
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da griselda Visualizza messaggio
Me ne rendo conto ad esempio quando vedo come mi è facile essere ottimista con il c..o degli altri
Pessimista a lungo termine verso cose che ho provato e riprovato senza esito.
Per il resto resto pigramente (e non solo) sognatrice
Credo ci sia un mix di tutti e tre, in proporzioni variabili, dentro tutti, il pezzo maggiore determinerà la tendenza generale di ognuno.
Personalmente, non credo di essere pessimista come potrei apparire superficialmente, in realtà, sotto la melodrammaticità che mi caratterizza, ho sempre teso e ricercato in direzione di una soluzione, in tutti i casi, anche quelli impossibili. Credo sia più pessimista chi si mostra sempre e comunque positivo e poi alla prima difficoltà...Crack!
Da qualche parte ho letto una cosa tipo: è meglio essere ottimista e avere torto che essere pessimista e avere ragione. Mah

Ultima modifica di Edera : 16-02-2012 alle ore 21.41.54.
Edera non è connesso  
Vecchio 16-02-2012, 21.58.25   #49
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

io devo capire perchè quando sono positivo attiro poca positività e quando sono negativo attiro tanta negatività.
__________________
Astral
Astral non è connesso  
Vecchio 17-02-2012, 02.47.47   #50
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,537
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da gibbi Visualizza messaggio
.....................
Cercavo di vedere come opera in me il pessimismo, una cosa che ritrovo spesso è considerare le cose che in quel momento sono negative come permanenti , durature e questo mi schiaccia .
Il più delle volte mi sento responsabile di quello che non va , in un modo o nell'altro ne sono la causa . Altro aspetto è generalizzare , estendere quel negativo come una macchia d'olio su tutto , il nero è predominante tanto da coprire tutti gli altri colori.
Riprendo un attimo questo pezzo, anche per me è così mi prende un po' quella che chiamo la "calimerite " , anche se razionalmente so che è perfettamente inutile piangermi addosso, e anche non produttivo.
Hai scritto una cosa che mi ha colpita Gibbi, ovvero "come opera in me il pessimismo" è un po' che ci ragiono su, e forse non è la sezione adatta, ma è proprio come se il pessimismo (ma vale per tante altre cose) operasse per conto suo, come un'entità separata da me... Pero' Ray ci ha messo il carico da 90 con questo :

Citazione:
Originalmente inviato da Ray
...
Detto questo, ogni atteggiamento che assumiamo (termine da meditare) ha una sua convenienza personale, conscia o inconscia che sia. E l'ottimismo-pessimismo non fa eccezione. Per un motivo o per l'altro "preferiamo" porci in uno dei due modi, dopodichè cerchiamo delle motivazioni razionali che giustifichino la nostra scelta e magari ci diciamo pure che sono alla base della stessa... in realtà vengono dopo.
In linea di massima si sceglie un atteggiamento in base a ciò che non si vuole vedere/provare/affrontare eccetera. E anche per come ci si vuole mostrare agli altri, se si ritiene che questo abbia una convenienza in termini di relazioni. Ossia come mi pongo scaturirà diverse reazioni in chi mi sta vicino... oltre che permettermi di non toccare ciò che non mi va e/o di non fare come non mi va. E si, si arriva a sforzarsi di essere in un modo anche quando l'indole manifesterebbe l'altro.
L'indole quindi c'è, siamo orientati per natura verso un modo piuttosto che un altro giusto? pero' tutto sommato dovremmo poter cambiare rotta, e sicuramente verso l'esterno si può fare, quando ci si accorge di manifestare un modo di porsi per un qualche ritorno, se non altro, si puo' trattenere.
L'atteggiamento quindi si sceglie, più o meno consciamente, ma certamente si è portati più verso un modo piuttosto che in un altro giusto?
Cambiare modo, atteggiamento fa si che qualcosa lentamente si modifichi anche all'interno?
In genere il pessimismo, per me si traduce con una serie di scuse , che mi bloccano, non mi permettono di fare qualcosa, dunque direi che rientra nelle cose che non voglio vedere/provare/ affrontare etc... cerco sempre una specie di rete di sicurezza, una zona d'ombra che mi protegga dal nuovo. E cosi non mi butto, manco avessi chissà cosa da perdere.

Citazione:
Originalmente inviato da Uno Visualizza messaggio
........
L'ottimista, se non è estremista, vede e usa la realtà ed è pronto alle potenzialità
A me questa definizione soddisfa, l'ottimista a questo punto mi pare la condizione migliore, e a cui tendere...
RedWitch è connesso ora  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 08.12.04.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271