Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Psicologia moderna e antica

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 07-08-2006, 14.16.25   #1
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,699
Predefinito Rinunciare ad un eredità

La cronaca (non nera, non rosa) di questi giorni ha portato alla ribalta il caso di quel signore che allontanatosi dalla madre da 25 pur facendo il cameriere per vivere ha rifiutato dalla stessa (morta) un'eredità di 2,5 milioni di euro.
La sua ufficiale (ma anche ufficiosa da quello che vedo) motivazione è che non vuole avere nulla a che fare con cose legate alla figura materna.
Lo spunto ed il titolo del thread è l'eredità economica, ma non è la sola che ereditiamo dai genitori, e a differenza dei beni materiali altre cose le ereditiamo mentre sono ancora in vita, ce le passano man mano nel corso della vita....
Beh ci sono spunti a sufficienza... non voglio soffocare la discussione e vi lascio espandere il discorso, poi ripasso
Uno non è connesso  
Vecchio 07-08-2006, 15.32.45   #2
RedWitch
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di RedWitch
 
Data registrazione: 20-12-2004
Messaggi: 3,537
Predefinito

Ho sentito oggi la notizia, che mi ha colpita, perchè effettivamente questo signore deve avere dei motivi molto profondi, per rifiutare una somma così alta, per rimanere a lavare i piatti per il resto dei suoi giorni.. tutto sommato poteva prenderlo come una sorta di "risarcimento".
E naturalmente il tg ci ha fatto su un bel ricamino.. speravano nella "favola a lieto fine"
Questa cosa mi ha fatto pensare una volta di più, che essere genitori, è una responsabilità enorme. Mettere al mondo una creatura, significa crescerla, e trasmettergli dei valori, cercando di fare meno danni possibili.. significa cercare di crescerla in un ambiente sereno, dargli tutte le carte affinchè, al momento giusto possa spiccare il volo con le proprie ali, spesso invece, accade l'esatto contrario. Bisogna pensarci bene...
RedWitch non è connesso  
Vecchio 08-08-2006, 10.20.55   #3
Clodette
In attesa Cittadinanza
 
L'avatar di Clodette
 
Data registrazione: 14-07-2006
Messaggi: 110
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
La cronaca (non nera, non rosa) di questi giorni ha portato alla ribalta il caso di quel signore che allontanatosi dalla madre da 25 pur facendo il cameriere per vivere ha rifiutato dalla stessa (morta) un'eredità di 2,5 milioni di euro.
La sua ufficiale (ma anche ufficiosa da quello che vedo) motivazione è che non vuole avere nulla a che fare con cose legate alla figura materna.
Lo spunto ed il titolo del thread è l'eredità economica, ma non è la sola che ereditiamo dai genitori, e a differenza dei beni materiali altre cose le ereditiamo mentre sono ancora in vita, ce le passano man mano nel corso della vita....
Beh ci sono spunti a sufficienza... non voglio soffocare la discussione e vi lascio espandere il discorso, poi ripasso
poteva mettere da parte l'orgoglio e donare quei soldi a chi ne aveva bisogno, a mio parere.
Clodette non è connesso  
Vecchio 08-08-2006, 11.00.56   #4
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 8,030
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
La cronaca (non nera, non rosa) di questi giorni ha portato alla ribalta il caso di quel signore che allontanatosi dalla madre da 25 pur facendo il cameriere per vivere ha rifiutato dalla stessa (morta) un'eredità di 2,5 milioni di euro.
La sua ufficiale (ma anche ufficiosa da quello che vedo) motivazione è che non vuole avere nulla a che fare con cose legate alla figura materna.
Lo spunto ed il titolo del thread è l'eredità economica, ma non è la sola che ereditiamo dai genitori, e a differenza dei beni materiali altre cose le ereditiamo mentre sono ancora in vita, ce le passano man mano nel corso della vita....
Beh ci sono spunti a sufficienza... non voglio soffocare la discussione e vi lascio espandere il discorso, poi ripasso
Non conosco il caso specifico.
Spesso si rimane legati al rancore per i torti subiti...ma a ben guardare ci si avvelena e basta...ci sofferma a riflettere e si arriva alla conclusione che non si può dare ciò che non si è ricevuto e viceversa.
Allora a quel punto si può cercare dii rimediare in qualche modo a moti interni che abbiamo ereditato ...eredità che non vogliamo più.
griselda non è connesso  
Vecchio 08-08-2006, 11.49.40   #5
Uno
Amministratore
 
L'avatar di Uno
 
Data registrazione: 28-05-2004
Messaggi: 9,699
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Clodette
poteva mettere da parte l'orgoglio e donare quei soldi a chi ne aveva bisogno, a mio parere.
Ma di fronte a 2,5 milioni di euro sei sicura che esista un orgoglio che tiene?
Poi tutto sommato rinunciando lui andranno alla badante della madre che non sarà stata ricchissima... beneficenza lo stesso no?

Quello che volevo evidenziare con la notiziola, perchè una persona arrivi ad una cosa del genere che razza di di turbamento (non voglio definirlo diversamente ora) deve avere nei confronti della madre? Stiamo parlando di 20/25 anni... lo so che questo accade anche con estranei o con conoscenti di altra specie, ma trovo interessante il rapporto figlio-madre.
Cosa non vorreste ereditare dalla vostra?
Non importa se è ancora viva o se è morta da tempo e non sto parlando di soldi
Uno non è connesso  
Vecchio 08-08-2006, 11.53.52   #6
Clodette
In attesa Cittadinanza
 
L'avatar di Clodette
 
Data registrazione: 14-07-2006
Messaggi: 110
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
Ma di fronte a 2,5 milioni di euro sei sicura che esista un orgoglio che tiene?
Poi tutto sommato rinunciando lui andranno alla badante della madre che non sarà stata ricchissima... beneficenza lo stesso no?

Quello che volevo evidenziare con la notiziola, perchè una persona arrivi ad una cosa del genere che razza di di turbamento (non voglio definirlo diversamente ora) deve avere nei confronti della madre? Stiamo parlando di 20/25 anni... lo so che questo accade anche con estranei o con conoscenti di altra specie, ma trovo interessante il rapporto figlio-madre.
Cosa non vorreste ereditare dalla vostra?
Non importa se è ancora viva o se è morta da tempo e non sto parlando di soldi
io dai miei genitori ho ereditato tutti quegli archetipi che non mi appartenevano e che non volevo, ma inconsciamente si sono insinuati dentro di me modificando il mio vero essere. Questo non volevo ereditare...
Clodette non è connesso  
Vecchio 08-08-2006, 12.48.25   #7
griselda
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di griselda
 
Data registrazione: 07-01-2006
Messaggi: 8,030
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
Ma di fronte a 2,5 milioni di euro sei sicura che esista un orgoglio che tiene?
Poi tutto sommato rinunciando lui andranno alla badante della madre che non sarà stata ricchissima... beneficenza lo stesso no?

Quello che volevo evidenziare con la notiziola, perchè una persona arrivi ad una cosa del genere che razza di di turbamento (non voglio definirlo diversamente ora) deve avere nei confronti della madre? Stiamo parlando di 20/25 anni... lo so che questo accade anche con estranei o con conoscenti di altra specie, ma trovo interessante il rapporto figlio-madre.
Cosa non vorreste ereditare dalla vostra?
Non importa se è ancora viva o se è morta da tempo e non sto parlando di soldi
Se quei soldi fossero stati la causa di tutte le avversità....il solo pensiero di accettarli potrebbe riportare a rivivere tutta la sofferenza che non si vuole nemmeno rivedere.Mi sembra di rilevare una enorme sofferenza ancora viva e bruciante.
Discorso difficile cosa vorrei ereditare o aver ereditato....nel caso non accetto ciò che ho effettivamente ereditato...mi faccio la guerra...ho come l'impressione che sia passato tutto come eredità che lo voglia accettare o meno. Bho!


P.S. Forse legandola all'altra discussione sulla felicità:
Ma se con quel poco che ho ereditato invece di lottarci contro, per vari motivi…se ho ereditato i soldi e da loro traggo gioia divento felice.
Se ho ereditato la timidezza e quella ho, la posso trasformare in essere e sarò felice di essere la timidezza? Non essendo più legata al dolore che ho tolto può essere trasformata in una qualità e posso goderne e farne un pregio?

Ultima modifica di griselda : 08-08-2006 alle ore 13.06.48.
griselda non è connesso  
Vecchio 08-08-2006, 13.02.22   #8
sitael
Utente Cancellato
 
L'avatar di sitael
 
Data registrazione: 03-08-2006
Messaggi: 106
Predefinito

Certo cosi tanti soldi non si vedono spesso anzi non si vedono mai...
Ma per non averli accetati quel ragazzo dovra avre i suoi ottimi motivi...
Avolte i soldi non fanno la felicità...
sitael non è connesso  
Vecchio 08-08-2006, 16.15.43   #9
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Non ho capito lo scopo del Thread, parla di cosa ha rinunciato questo tizio, o parla di cosa abbiamo ereditato dai genitori?
Astral non è connesso  
Vecchio 08-08-2006, 16.27.31   #10
Clodette
In attesa Cittadinanza
 
L'avatar di Clodette
 
Data registrazione: 14-07-2006
Messaggi: 110
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral
Non ho capito lo scopo del Thread, parla di cosa ha rinunciato questo tizio, o parla di cosa abbiamo ereditato dai genitori?
credo di entrambi, in fondo da un discorso se ne genera un altro e un altro ancora che ci portano a riflettere in modo + interiore e profondo...
Clodette non è connesso  
Vecchio 08-08-2006, 16.34.32   #11
Astral
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Astral
 
Data registrazione: 01-08-2006
Residenza: Roma
Messaggi: 3,424
Predefinito

Sono ancora nuovo del forum, ho sempre paura di uscire fuori tema

Beh del tizio, nulla da dire, sono sue scelte personali, io avrei preso i soldi investendoli in maniera diversa, ma appunto io sono io, lui è lui.

Per quanto riguarda io ho ereditato dalla mia famiglia, la voce, e la predisposizione all'esoterico, occulto ma anche allo spirituale.
Devo dire che però ho una mente indipendente e ora, e ho delle caratteristiche che non ricordano nulla di cosa sono i miei genitori, a meno che non l'abbia ereditato dagli antenati.
Astral non è connesso  
Vecchio 08-08-2006, 17.10.07   #12
Clodette
In attesa Cittadinanza
 
L'avatar di Clodette
 
Data registrazione: 14-07-2006
Messaggi: 110
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Astral
Sono ancora nuovo del forum, ho sempre paura di uscire fuori tema

Beh del tizio, nulla da dire, sono sue scelte personali, io avrei preso i soldi investendoli in maniera diversa, ma appunto io sono io, lui è lui.

Per quanto riguarda io ho ereditato dalla mia famiglia, la voce, e la predisposizione all'esoterico, occulto ma anche allo spirituale.
Devo dire che però ho una mente indipendente e ora, e ho delle caratteristiche che non ricordano nulla di cosa sono i miei genitori, a meno che non l'abbia ereditato dagli antenati.
guarda sono nuova anch'io e ho già ricevuto qualche tiratina d'orecchie per essere andata o.t., quindi siamo in due
Clodette non è connesso  
Vecchio 09-08-2006, 12.36.03   #13
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Clodette
io dai miei genitori ho ereditato tutti quegli archetipi che non mi appartenevano e che non volevo, ma inconsciamente si sono insinuati dentro di me modificando il mio vero essere. Questo non volevo ereditare...
Immagino tu stia parlando di meccanismi, tra l'altro difensivi. O, al limite, di tendenze comportamentali e caratteriali. Questi possono effettivamente venire "ereditati" e pure restare inconsci tutta la vita. Tuttavia sono sempre conoscibili e "risolvibili". Inoltre non modificano per nulla il tuo "vero essere" ma unicamente il modo, o uno dei modi, con cui questo essere si manifesta... la personalità, il carattere ecc.

Gli archetipi sono tuttaltro... non ha senso approfondire in questa sede (magari ne facciamo un tread a parte... basti dire che, anche considerandoli unicamente dal punto di vista junghiano, sono per così dire strutture, o pezzi di struttura, comuni a tutti... i contenuti dell'inconscio collettivo, quindi patrimonio dell'umanità.
Essi non vengono determinati dai genitori, anzi li comprendono... sono a monte, ad un livello di menifestazione precedente la personalità. Poi possono venire "riempiti" in modo soggettivo (nell'archetipo madre ognuno infila sua madre), ma non si possono ereditare, non si insinuano e non modificano chicchessia.
Ray non è connesso  
Vecchio 09-08-2006, 13.53.50   #14
Clodette
In attesa Cittadinanza
 
L'avatar di Clodette
 
Data registrazione: 14-07-2006
Messaggi: 110
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray
Immagino tu stia parlando di meccanismi, tra l'altro difensivi. O, al limite, di tendenze comportamentali e caratteriali. Questi possono effettivamente venire "ereditati" e pure restare inconsci tutta la vita. Tuttavia sono sempre conoscibili e "risolvibili". Inoltre non modificano per nulla il tuo "vero essere" ma unicamente il modo, o uno dei modi, con cui questo essere si manifesta... la personalità, il carattere ecc.

Gli archetipi sono tuttaltro... non ha senso approfondire in questa sede (magari ne facciamo un tread a parte... basti dire che, anche considerandoli unicamente dal punto di vista junghiano, sono per così dire strutture, o pezzi di struttura, comuni a tutti... i contenuti dell'inconscio collettivo, quindi patrimonio dell'umanità.
Essi non vengono determinati dai genitori, anzi li comprendono... sono a monte, ad un livello di menifestazione precedente la personalità. Poi possono venire "riempiti" in modo soggettivo (nell'archetipo madre ognuno infila sua madre), ma non si possono ereditare, non si insinuano e non modificano chicchessia.
ah ho capito...sì, sarebbe interessante approfondire il discorso sugli archetipi. In ogni caso hai ragione, l'Essere in sè non può essere modificato, ma ne viene modificata la personalità, il carattere...come dici tu. Sono d'accordo sul fatto che siano riconoscibili anche se a volte non è possibile fare tutto da soli e non è per tutti una cosa "semplice" o "evidente"..abbiamo bisogno a volte o alcuni di noi, di una guida, almeno inizialmente! Ci sono lati della personalità che non ci appartengono, che ereditiamo dalla società, dagli amici, dai genitori...paure che vengono trasmesse. Ognuno di noi dovrebbe cercare di impegnarsi nel cercare il vero proprio Essere...ma...ognuno ha anche i suoi tempi e i propri scopi...
Clodette non è connesso  
Vecchio 09-08-2006, 15.46.51   #15
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Clodette
ah ho capito...sì, sarebbe interessante approfondire il discorso sugli archetipi. In ogni caso hai ragione, l'Essere in sè non può essere modificato, ma ne viene modificata la personalità, il carattere...come dici tu. Sono d'accordo sul fatto che siano riconoscibili anche se a volte non è possibile fare tutto da soli e non è per tutti una cosa "semplice" o "evidente"..abbiamo bisogno a volte o alcuni di noi, di una guida, almeno inizialmente! Ci sono lati della personalità che non ci appartengono, che ereditiamo dalla società, dagli amici, dai genitori...paure che vengono trasmesse. Ognuno di noi dovrebbe cercare di impegnarsi nel cercare il vero proprio Essere...ma...ognuno ha anche i suoi tempi e i propri scopi...
Il discorso sugli archetipi lo iniziamo appena ho un attimo di tranquillità... o se vuole qualcun altro...

Concordo pienamente che è spesso difficile fare da soli, soprattutto in certi momenti. Se un meccanismo è inconscio, appunto non ce ne accorgiamo. Tuttalpiù sentiamo che qualcosa non va... che non "ci appartiene"... e allora iniziamo un'indagine. A questo punto qualche "specchio" può essere utile.

Da un certo punto di vista nessun tratto della personalità ci "appartiene", o meglio appartiene al nostro vero essere. Egli può manifestarsi con qualsiasi personalità, sussiste ad un piano superiore.
E' anche vero però che questo Essere ha delle tendenze... che "preferisce" manifestarsi in un modo piuttosto che un altro. Possiamo chiamare parte di queste tendenze "influssi planetari".

A questo punto diviene facile capire come certe manifestazioni della personalità le ri-conosciamo... le sentiamo "nostre"... e certe altre invece le sentiamo "altrui".

In ogni caso potremmo dire che il nostro vero essere è nudo e che le varie personalità, "nostre" o "altrui", sono i vestiti... ci stanno più o meno bene, più o meno comodi... ci proteggono dal freddo e ci permettono di stare con gli altri.
Ma se vogliamo iniziare a dirigerci verso il nostro vero essere dobbiamo spogliarci... togliere... o, se ci piace di più un'altra metafora, s-cipollarsi, s-carciofarsi fino al cuore del carciofo...
Ray non è connesso  
Vecchio 10-08-2006, 00.32.55   #16
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray
Il discorso sugli archetipi lo iniziamo appena ho un attimo di tranquillità... o se vuole qualcun altro...

Concordo pienamente che è spesso difficile fare da soli, soprattutto in certi momenti. Se un meccanismo è inconscio, appunto non ce ne accorgiamo. Tuttalpiù sentiamo che qualcosa non va... che non "ci appartiene"... e allora iniziamo un'indagine. A questo punto qualche "specchio" può essere utile.

Da un certo punto di vista nessun tratto della personalità ci "appartiene", o meglio appartiene al nostro vero essere. Egli può manifestarsi con qualsiasi personalità, sussiste ad un piano superiore.
E' anche vero però che questo Essere ha delle tendenze... che "preferisce" manifestarsi in un modo piuttosto che un altro. Possiamo chiamare parte di queste tendenze "influssi planetari".

A questo punto diviene facile capire come certe manifestazioni della personalità le ri-conosciamo... le sentiamo "nostre"... e certe altre invece le sentiamo "altrui".

In ogni caso potremmo dire che il nostro vero essere è nudo e che le varie personalità, "nostre" o "altrui", sono i vestiti... ci stanno più o meno bene, più o meno comodi... ci proteggono dal freddo e ci permettono di stare con gli altri.
Ma se vogliamo iniziare a dirigerci verso il nostro vero essere dobbiamo spogliarci... togliere... o, se ci piace di più un'altra metafora, s-cipollarsi, s-carciofarsi fino al cuore del carciofo...
Non so se possa essere definito consono al discorso ma mi pare che il
" gesto " del signore ( che ha rifiutato gli averi materiali lasciati dalla madre ) possa in maniera spicciola essere interpretato come il riflesso di un percorso che il " figlio " stesso aveva iniziato con l'abbandonare la madre e dunque il luogo ove aveva vissuto tempo addietro.
Il rifiuto della somma, a mio parere nasconde la frenesia di " togliere " o " abbandonare " un pezzo riconosciuto come non suo o semplicemente come mancanza di accettazione di un " lato " che si è scoperto all'interno di se.
Il contenuto che il su detto ha ri-conosciuto nella somma lasciata dalla madre presenta probabilmente quegli indizi che in un eventuale percorso possono essere ri-scoperti per approdare da qualche parte.
Mi verrebbe da pensare quindi sicuramente all'atteggiamento in chiave di rifiuto ma ancora più profondamemente, al segnale che ha voluto introdurre in tale gesto, nel ribadire per l'ennesima volta di non volere avere nulla a che fare con la madre; dunque un segnale inequivocabile di rottura interna che trova, nel rigettare qualsiasi collegamento con la famiglia, il suo apice anche di fronte ad una cifra che agli occhi degli altri assume altro significato.
Fondamentalmente a sto punto, come detto da altri posso pensare che in questo caso ci si vuole disfare non soltanto della materialità che 2.5 milioni di € possono rappresentare ma anche , e soprattutto, di ciò che questi rappresentano.
Quindi l'eredità economica si presenta come " mezzo " del rifiuto.
Il rifiuto però secondo me non si presenta solo in tale veste.
Ad esempio ci si può accorgere di un lato ( inconscio fino a poco prima della scoperta attraverso uno " specchio " ) che si possiede in quanto caratteristica peculiare nei propri parenti e nello specifico dei propri genitori; caratteristica che si pone in conflitto con l'idea che ognuno possiede di se...suppongo
Potrebbe essere anche questo il caso, non soffermandocci ovviamente solo su tale caso? Che ne dite?

PS benvenuto ad Astral e Sitael
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 10-08-2006, 11.11.45   #17
Clodette
In attesa Cittadinanza
 
L'avatar di Clodette
 
Data registrazione: 14-07-2006
Messaggi: 110
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da jezebelius
Non so se possa essere definito consono al discorso ma mi pare che il
" gesto " del signore ( che ha rifiutato gli averi materiali lasciati dalla madre ) possa in maniera spicciola essere interpretato come il riflesso di un percorso che il " figlio " stesso aveva iniziato con l'abbandonare la madre e dunque il luogo ove aveva vissuto tempo addietro.
Il rifiuto della somma, a mio parere nasconde la frenesia di " togliere " o " abbandonare " un pezzo riconosciuto come non suo o semplicemente come mancanza di accettazione di un " lato " che si è scoperto all'interno di se.
Il contenuto che il su detto ha ri-conosciuto nella somma lasciata dalla madre presenta probabilmente quegli indizi che in un eventuale percorso possono essere ri-scoperti per approdare da qualche parte.
Mi verrebbe da pensare quindi sicuramente all'atteggiamento in chiave di rifiuto ma ancora più profondamemente, al segnale che ha voluto introdurre in tale gesto, nel ribadire per l'ennesima volta di non volere avere nulla a che fare con la madre; dunque un segnale inequivocabile di rottura interna che trova, nel rigettare qualsiasi collegamento con la famiglia, il suo apice anche di fronte ad una cifra che agli occhi degli altri assume altro significato.
Fondamentalmente a sto punto, come detto da altri posso pensare che in questo caso ci si vuole disfare non soltanto della materialità che 2.5 milioni di € possono rappresentare ma anche , e soprattutto, di ciò che questi rappresentano.
Quindi l'eredità economica si presenta come " mezzo " del rifiuto.
Il rifiuto però secondo me non si presenta solo in tale veste.
Ad esempio ci si può accorgere di un lato ( inconscio fino a poco prima della scoperta attraverso uno " specchio " ) che si possiede in quanto caratteristica peculiare nei propri parenti e nello specifico dei propri genitori; caratteristica che si pone in conflitto con l'idea che ognuno possiede di se...suppongo
Potrebbe essere anche questo il caso, non soffermandocci ovviamente solo su tale caso? Che ne dite?

PS benvenuto ad Astral e Sitael
è molto interessante quel che dici e ad una prima analisi sembrerebbe proprio così...poi, la verità, la conosce solo lui
Clodette non è connesso  
Vecchio 21-08-2006, 17.34.56   #18
latino
Utente Cancellato
 
L'avatar di latino
 
Data registrazione: 06-09-2005
Residenza: salerno
Messaggi: 91
Predefinito

Citazione:
Cosa non vorreste ereditare dalla vostra?
Non importa se è ancora viva o se è morta da tempo e non sto parlando di soldi
L'orgoglio, il sentirsi superiore agli altri, l'ipocrisia... mi tocca continuare?
al momento c'è in atto una guerra tra me e mia madre, mi chiama bastion contrario, io credo sia solo questione di punti vista, abbiamo due modi di vivere opposti e a me sta bene così, invece lei tenta continuamente di sconfinare nella mia vita e questo non lo tollero!
latino non è connesso  
Vecchio 22-08-2006, 00.59.55   #19
lupa
Alloggiato/a
 
L'avatar di lupa
 
Data registrazione: 07-06-2006
Residenza: venezia
Messaggi: 62
Predefinito

ma trovo interessante il rapporto figlio-madre.
Cosa non vorreste ereditare dalla vostra?
Non importa se è ancora viva o se è morta da tempo e non sto parlando di soldi[/quote]

dalla mia vorrei ereditare il suo saper lasciare passare le cose non importa quanto siano importanti o quanto facciano soffrire su lei passano scivolano via......
mi chiedo però e con un certo timore : cosa lascerò io a mia figlia?

__________________
sarò me stessa, nessuno potrà accusarmi di averlo fatto in modo sbagliato.e

lupa non è connesso  
Vecchio 23-08-2006, 16.40.22   #20
La Banda dei GiraSoli
Chiede le Vie
 
L'avatar di La Banda dei GiraSoli
 
Data registrazione: 11-08-2006
Residenza: Al centro del Mondo
Messaggi: 7
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
ma trovo interessante il rapporto figlio-madre.
Cosa non vorreste ereditare dalla vostra?
Non importa se è ancora viva o se è morta da tempo e non sto parlando di soldi
Note di Fabio (operatore) c'è stato qualche problema per spiegare a tutti cos'è l'eredità, ma alla fine abbiamo risolto con questa formula:
"cosa vorresti avere di tua madre"
le risposte sono state tante ,alcune giuste altre completamente fuori tema te ne mando alcune.


Gepy: di mia mamma vorrei il suo modo di cucinare e il suo sorriso....ma muore la mamma o è solo campata in aria sta domanda?

Bibbo: non avro nulla in eredità da mamma vorrei però lasciarle un bel ricordo una corsa tra i boschi tenendola per mano...( bibbo soffre di distrofia muscolare sono anni che è semi paralizzato (nota di fabio))

Monica: la mia mamma sa cucinare e sa giocare io vorrei questo.

Teo: la mamma è sempre allegra anche quando piove e io sono triste .

Eleonora: chiamarmi Sara come lei.

Betta: io non voglio niente solo che non se ne vada più.

Roberto:della mamma vorrei gli occhi e il sorriso ma anche l'amore che ha per me i miei fratelli e il papà.

Fabrizio: di mamma nulla ma vorrei avere tutti i ricordi della nonna sapere tutte le storie che sa e racconta.

Fabio (operatore):vorrei ereditare la sua pazienza il suo saper aspettare che gli eventi maturino.....

ah dimenticavo gepy ha un'altra cosa....

Gepy: anche la macchina vorrei però....

un saluto da tutti, Fabio e tutta la banda del girasole
(termine coniato dai ragazzi per identificarsi, ora sono la banda del girasole)


nota di Uno: ho modificato il loro nick collettivo, in ottemperanza alla autodeterminazione del loro nome di "battaglia"
__________________
Questo account è usato da un gruppo di ragazzi speciali che manderanno qui i loro pensieri attraverso Lupa fiori.gif
La Banda dei GiraSoli non è connesso  
Vecchio 14-09-2006, 00.59.06   #21
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Redwitch
Ho sentito oggi la notizia, che mi ha colpita, perchè effettivamente questo signore deve avere dei motivi molto profondi, per rifiutare una somma così alta, per rimanere a lavare i piatti per il resto dei suoi giorni.. tutto sommato poteva prenderlo come una sorta di "risarcimento".
Citazione:
Originalmente inviato da Uno
Quello che volevo evidenziare con la notiziola, perchè una persona arrivi ad una cosa del genere che razza di di turbamento (non voglio definirlo diversamente ora) deve avere nei confronti della madre? Stiamo parlando di 20/25 anni... lo so che questo accade anche con estranei o con conoscenti di altra specie, ma trovo interessante il rapporto figlio-madre.
Tanto per capire un po’ di più..
Il fratello di quest’uomo è morto per un incidente stradale e sembra che la madre in un momento di rabbia e dolore abbia gridato al figlio che sarebbe stato meglio se fosse morto lui. Chissà forse era una cosa che si portava dentro da anni e questa è stata l’ultima goccia, da allora non ha mai più voluto avere a che fare con lei, non è riuscito a perdonarla.
Shanti non è connesso  
Vecchio 15-09-2006, 11.26.37   #22
A92
Cittadino/a
 
L'avatar di A92
 
Data registrazione: 15-08-2006
Residenza: trento
Messaggi: 116
Predefinito soldi

Uhm
vediamo un po'.. Io non ho sentito la notizia.. Ho poco tempo per la tv e anche per il telegiornale ultimamente.

2.5 milioni sono una bella cifra da rifiutare.
Non conosciamo per niente, mi pare di capire, la situazione familiare, ed il carattere della madre e del figlio, apparte forse quell'episodio raccontato poco sopra in cui la madre, alla scomprarsa del fratello, urla al figlio che sarebbe stato meglio fosse morto lui.
Una frase cosi da sola, a mio parere, non giustifica l'abbandono di rapporti famigliari della durata di 25 anni e una fortuna tale.

Mi pare comunque di capire che i rapporti potessero essere guasti da tempo. Il figlio abbandona l'ultima cosa che la madre può lasciarli. E perche fa questo? Ci sono molti motivi credo.
Forse a livello conscio egli rivede in sè stesso la madre. Ritrova in se stesso comportamenti, azioni, pensieri, aspetti fisici, malattie tipici della madre, e li aborrisce.
Egli desidera forse un distacco completo e quindi rifiuta anche l'eredità. Di certo, mi viene da pensare, l'eredità non sarà l'unica cosa che rifiuta.
In ogni caso credo stia sbagliando.

Innanzi tutto, rifiutanto i soldi, non dimostra nulla a nessuno. Il tentativo eventualmente è indirizzato verso se stesso. Egli, verso se stesso, tenta di dimostrare il completo rifiuto di un collegamento esistente verso la madre. Ma il solo fatto di rifiutare il collegamento, crea il collegamento stesso. Egli in questo stato non è in armonia, ma in disarmonia, creando uno stato d'essere non voluto. Egli rifiuta l'eredità. Non è impassibile all'eredita, ma la rifiuta. Il rifiutare crea pensieri, collegamenti ecc. Quindi materialmente spezza il legame, energicamente lo crea
Oh Cristo mi starò spiegando? -.-''

Secondo me farebbe meglio, o avrebbe fatto meglio ad accettare l'eredità e darla a me ghghgh oppure accettarla come fatto naturale non da lui richiesto e poi lavorare su sé stesso, per diventare ciò che in realtà desidera, o (se non lo sa) per lo meno smettere di essere ciò che è ora, e non gli piace...


Vi saluto
A92
A92 non è connesso  
Vecchio 15-09-2006, 13.16.23   #23
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,218
Predefinito

Prendo spunto da A92...

Al di la del fatto che non sappiamo bene tutti i vari perchè e percome e, di conseguenza, poco possiamo dire su quel che avrebbe dovuto fare il tizio (a parte dare i soldi ad A92... su questo ok)... mi chiederei cosa può voler dire per lui questo atto, questo rifiuto.

Che sia stato consapevole o meno l'atto ha una valenza simbolica. L'eredità che riceviamo dalla madre (dai genitori) non è per nulla solo materiale e, soprattutto, non arriva dopo che i genitori muoiono... anzi.

Ci sono ben altre eredità che agiscono da subito... e qui la rinuncia, il rifiuto dei 2,5 milioni magari per lui è il più facile...
Ray non è connesso  
Vecchio 18-09-2006, 00.10.25   #24
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da A92
2.5 milioni sono una bella cifra da rifiutare.
Beh poi alla fine al netto di tutte le spese si sono ridotti a mezzo milione, eh sono molti lo stesso lo so, ma già più facile rifiutarli...
Shanti non è connesso  
Vecchio 23-09-2006, 20.05.51   #25
Shanti
Partecipa agli eventi
 
L'avatar di Shanti
 
Data registrazione: 19-12-2004
Messaggi: 1,350
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Uno
Cosa non vorreste ereditare dalla vostra?
Non importa se è ancora viva o se è morta da tempo e non sto parlando di soldi
La sua difficoltà a esprimere i sentimenti di affetto verso le persone, sia con i gesti che con le parole. E anche il suo pessimismo, l'ansia per il timore che qualcosa possa andare male in qualche modo.
Shanti non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 04.13.53.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271