Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Misteri

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 09-09-2011, 00.43.03   #1
Kael
Cittadino/a Emerito/a
 
L'avatar di Kael
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 3,153
Predefinito I graffiti di Oreste Fernando Nannetti

Forse qualcuno ne ha già sentito parlare, si tratta della triste storia di un uomo praticamente nato in manicomio, visto che fu internato alla tenera età di dieci anni. Divenuto adulto, fu trasferito all'ospedale psichiatrico di Volterra, dove lasciò un impressionante graffito (fatto con le borchie della camicia di forza nel silenzio di lunghi anni di detenzione) sui muri esterni del padiglione chiamato reparto Ferri, per un'ampiezza complessiva di circa 180 mq.
In seguito Nannetti fu ancora trasferito presso un altro istituto, dove negli anni compose migliaia di opere scritte, le quali andarono tutte bruciate alla sua morte (sembra che qualcuno riuscì a fotocopiarne alcune), dato che non avendo parenti a cui lasciarle rientravano nei suoi effetti personali.
Di lui oggi restano solo quei muri parlanti, segni incisi nella pietra con fatica, con l'aspetto di una delirante lucidità, o di un disordine perfettamente ordinato.

Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:  nannetti07.jpg
Visite: 1877
Dimensione:  172.3 KBClicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:  nannetti_fernando_4-30271302.jpg
Visite: 2048
Dimensione:  45.0 KB

Più dei suoi graffiti però è la mente di quest'uomo che per me rappresenta il vero mistero.
Ci sono cose che mi hanno profondamente colpito, come gli epiteti con cui amava chiamarsi, colonnello astrale, ingegnere astronautico minerario, ma, più di tutti, scassinatore nucleare. Come non pensare all'opera dell'alchimista Filalete, "Entrata aperta al palazzo chiuso del re", dove il palazzo, il tempio del re, è appunto quel nucleo fisso della materia in cui risiede l'energia divina, e che l'alchimista si propone di scardinare mediante i giusti aiutanti? E stiamo parlando di un uomo internato a dieci anni, che sapeva a malapena leggere e scrivere e che non poteva aver avuto un'istruzione adeguata.
Nannetti, che nelle sue opere si firmava spesso Nanof, o Nof4, diceva di avere una capacità telepatica, e definiva la sua mente una specie di "condensatore di onde che provengono dallo spazio".
Altre frasi, lasciate nella pietra, sembrano più di un semplice delirio.. I fantasmi sono formidabili dopo la seconda apparizione, e Le ombre sono vive sotto cosmo.
Un altro fatto curioso è la frase spezzata a metà, senza nessun apparente motivo per non concluderla sulla stessa riga, dato che in quel punto il muro continuava ancora. E invece, lasciando un largo spazio in mezzo, e riprendendo ad un'altezza diversa, Nannetti scrisse da una parte Il pianofo, e dall'altra rte deve suonare da sè, riprendendo da quella R esattamente come si legge nella prima tavola del Mutus Liber.
Con questo non voglio dire che l'ingegnere astronautico minerario avesse la benché minima conoscenza esoterica, non consapevole almeno, visto che lui stesso, quando scriveva, si definiva "altro da sè", ed era cosciente di un suo doppio, di un'entità telepatica che gli guidava la mano nei suoi frequenti stati deliranti e schizofrenici.
__________________

Kael non è connesso  
Vecchio 09-09-2011, 12.01.19   #2
webetina
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-07-2009
Messaggi: 1,452
Predefinito

Ho letto adesso sul blog dedicato a lui, colpisce molto la sua storia. Ho pensato che alla fine, nella sfortuna quest'essere diverso ha trovato il modo vivere la sua vita, giorno dopo giorno, anzichè vegetare. Riguardo alla presenza dell'esoterico accanto a lui, chissà dico, sono cose che non inventa l'uomo ma nascono con lui e semplicemente si manifestano in un modo o nell'altro in certe condizioni, e magari ci sono percorsi di conoscenza non descritti.
webetina non è connesso  
Vecchio 09-09-2011, 13.12.48   #3
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

Leggevo che c'è un film del 1985 L’osservatorio nucleare del signor Nanof, un libro che parla dei graffiti e con alcune fotografie (N.O.F. 4 Il Libro della Vita), ed hanno fatto rappresentazioni in teatro.

I graffiti sono considerati una forma d'arte ed hanno riferimenti alchemici ma anche frasi senza senso, racconti di guerre intergalattiche, di armi stile star treck e di alieni, di mondi diversi dal nostro...
Considerabili vaneggiamenti.. di un pazzo.
Anche se è nella follia che giace il genio.
__________________
Non ho bisogno di chi la pensa come me, ma di crescere aprendo la mente a diversi modi di vedere e di pensare.
Faltea non è connesso  
Vecchio 09-09-2011, 13.19.33   #4
Faltea
Partecipa agli eventi
 
Data registrazione: 18-03-2007
Messaggi: 1,164
Predefinito

C'è anche una mostra in Svizzera che ultimerà ad ottobre del 2011 dei suoi graffiti e dei suoi scritti..

__________________
Non ho bisogno di chi la pensa come me, ma di crescere aprendo la mente a diversi modi di vedere e di pensare.
Faltea non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 06.24.20.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271