Ermopoli
L'antica città della conoscenza
  
    
Torna indietro   Ermopoli > Forum > Tempio > Esoterismo

 
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Vecchio 07-12-2008, 18.22.47   #1
stella
Organizza eventi
 
L'avatar di stella
 
Data registrazione: 09-04-2006
Messaggi: 2,087
Predefinito

Commenti all'articolo http://ermopoli.it/portale/showthread.php?t=4930

Molto interessante questo articolo: mi ha fatto venire in mente che anche Salomone, famoso per la sua saggezza e sapienza che gli erano state date in dono da Dio, parlava questo linguaggio e comprendeva gli animali...
Per quanto riguarda San Francesco, sono rimaste nella storia oltre che la predica agli uccelli anche la storia del lupo di Gubbio, al quale ha fatto fare pace con la popolazione, e che divenne come un lupo domestico, le prerogative di S.Francesco erano umiltà e povertà attreverso le quali ha avuto accesso a questo dono...

Anch'io credo che prima dell'episodio della torre di Babele si parlasse questa lingua universale, come se esistesse un popolo unico, poi con il confondersi del linguaggio gli uomini si sono separati ed essendo separati suppongo abbiano avuto origine le guerre...
Mi viene da fare un nesso con la discesa dello Spirito Santo sugli apostoli che pur non sapendo le lingue erano compresi da gente appartenente a popoli diversi, come se questo episodio riunisse invece che separare, come avvenne con la Torre di Babele dove si voleva sfidare Dio.
E uno degli effetti dell'effusione dello Spirito Santo è anche il canto in lingue, che non so se sia connesso con il linguaggio degli uccelli, ma il canto e le sue vibrazioni non hanno confini, anche se questo avviene per lodare e ringraziare Dio e non per comunicare...
Per analogia questo linguaggio, essendo universale e fatto di vibrazioni, dovrebbe unire, al di là delle parole, più profondamente.

Un'altra cosa: questo linguaggio viene usato anche dai Cavalieri Templari, che dopo alcune vicende storiche in seguito alle quali dovevano restare occulti, hanno cominciato ad usarlo in segreto.
stella non è connesso  
Vecchio 08-12-2008, 02.34.31   #2
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Uno dei significati simbolici pricipali degli uccelli in genere è proprio il pensiero. Nell'articolo di Kael si evince la connessione a doppio filo tra pensiero e suono primordiale, in questo concetto di linguaggio universale.

In effetti, se potessimo esprimere il suono dei pensieri senza filtrarli con i costrutti mentali... però credo dovremmo specificare meglio di che tipo di pensiero si parla... non certo quelo dialettico, che è chiacchierato nella lingua in cui uno "pensa".
Ray non è connesso  
Vecchio 27-01-2009, 02.35.25   #3
jezebelius
Organizza eventi
 
L'avatar di jezebelius
 
Data registrazione: 27-02-2005
Messaggi: 1,865
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da stella Visualizza messaggio
Commenti all'articolo http://ermopoli.it/portale/showthread.php?t=4930

Molto interessante questo articolo: mi ha fatto venire in mente che anche Salomone, famoso per la sua saggezza e sapienza che gli erano state date in dono da Dio, parlava questo linguaggio e comprendeva gli animali...
Interessante il contributo di Kael.
Pensavo, partendo da quel che ha detto Stella, che in buona sostanza Salomone giacché " parlava " tale lingua, da ciò forse potrebbe dedursi che "era parola ", riusciva a comunicare sia con gli animali ma anche con gli Angeli.
Di fatti gli Angeli, come gli Uccelli sono raffigurati con Ali e, come abbiamo detto nella discussione loro inerente, sono i messaggeri " tra il Cielo e la Terra ".
Questa lingua universale, questo linguaggio degli Uccelli, in definitiva presenta probabilmente vari gradi di comprensione. Come per le lingue che comunemente sappiamo essere il prodotto di culture millenarie, cercando di studiarne materialmente la fonetica, l'evoluzione almeno da un punto di vista materiale, così Tale Lingua si presenta come Sostanza, per la cui comprensione sono richieste forse capacità particolari.
E' quella Lingua, forse, che a livello " fisico" tocca il cuore degli uomini. Del resto la parola altro non è che un simbolo che mette in comunicazione l'interno con l'esterno, l'alto e il basso...
__________________
Dr. Marc Haven
“Non deve essere l’alba di luce che deve iniziare ad avvisare la tua anima di tali doveri giornalieri e dell’ora in cui gli incensi devono bruciare sui fornelli; è la tua voce, solo lei che deve chiamare l’alba di luce e farla brillare sulla tua opera, alfine che tu possa dall’alto di questo Oriente, riversarla sulle nazioni addormentate nella loro inattività e sradicarle dalle tenebre in cui versano.”
jezebelius non è connesso  
Vecchio 27-01-2009, 13.16.14   #4
Ray
E' praticamente nato/a qui
 
L'avatar di Ray
 
Data registrazione: 10-08-2005
Messaggi: 7,149
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Ray Visualizza messaggio
Uno dei significati simbolici pricipali degli uccelli in genere è proprio il pensiero. Nell'articolo di Kael si evince la connessione a doppio filo tra pensiero e suono primordiale, in questo concetto di linguaggio universale.

In effetti, se potessimo esprimere il suono dei pensieri senza filtrarli con i costrutti mentali... però credo dovremmo specificare meglio di che tipo di pensiero si parla... non certo quelo dialettico, che è chiacchierato nella lingua in cui uno "pensa".
Citazione:
Originalmente inviato da jezebelius Visualizza messaggio
Interessante il contributo di Kael.
Pensavo, partendo da quel che ha detto Stella, che in buona sostanza Salomone giacché " parlava " tale lingua, da ciò forse potrebbe dedursi che "era parola ", riusciva a comunicare sia con gli animali ma anche con gli Angeli.
Di fatti gli Angeli, come gli Uccelli sono raffigurati con Ali e, come abbiamo detto nella discussione loro inerente, sono i messaggeri " tra il Cielo e la Terra ".
In effetti gli angeli, così come i loro corrispondenti di altre tradizioni, sono chiamati anche Intelligenze.
Ray non è connesso  
Vecchio 04-03-2009, 23.44.48   #5
Enoch
Ristruttura la casa
 
L'avatar di Enoch
 
Data registrazione: 21-03-2006
Messaggi: 305
Predefinito

Parole,segni,suoni,colori sono la traduzione imperfetta o l'adattamento di un corrispondente archetipo o di più archetipi fondamentali alla nostra realtà.
In genere è più facile per la nostra mente associare ad un archetipo un qualcosa corrispondente alla nostra realtà piuttosto che fare l'opposto (almeno in maniera da essere percepita a livello cosciente) in quanto gli archetipi probabilmente sono l'espressione della 'Realtà reale'.
Per quanto riguarda Bacone e la sua teoria universale del linguaggio sarei interessato a saperne di più... non è che magari in rete c'è del materiale più specifico riguardo al metodo Baconis, magari un suo scritto?
Enoch non è connesso  
Vecchio 03-03-2010, 10.59.40   #6
'ayn soph
Bannato/a
 
Data registrazione: 14-12-2006
Messaggi: 1,893
Predefinito

Non sapevo che la Torre di Babele impersonasse questo avvenimento e allora ho fatto una piccola ricerca ed ho trovato che anche il Cristo Bambino parla già il Linguaggio degli Uccelli, come San Francesco, o Gilgamesh o San Patrizio d’Irlanda o Arjuna o l’Illuminato Buddha insomma tutti i più importanti Mistici, Profeti, Santi ed Iniziati. Questo significa comprendere e comunicare con gli Esseri Spirituali più alti appartenenti cioè alle Sfere Superiori di Esistenza, come gli Angeli e degli Arcangeli (al di sopra della Manifestazione umana). Sembra anche che Thot avesse la testa di uccello perché conosceva la magica lingua degli uccelli e il corpo di uomo ed era considerato il creatore della scrittura, operazione infatti ritenuta magica. Ma non collego come la Cabala Ermetica o Lingua degli Uccelli possa identificarsi nel greco oppure ho letto male?
Riporto la frase letterale:
Citazione:
L’alchimista Roger Bacon, nel suo Epistola de Secretis Operibus Artis et Naturae et Nullitae Magiae (1250 circa), scriveva: «I sapienti occultano le cose segrete con una speciale scrittura, scrivendo solo le consonanti, tanto che nessuno le sa leggere se non conosce il significato dei termini: così gli Ebrei, i Caldei, i Siriaci, gli Arabi nascosero le cose segrete, anzi scrissero la maggior parte dei loro libri e perciò la sapienza è quanto mai occulta. Questo è vero in special modo per gli Ebrei».
Alla luce di questa frase non è indicativo cercare nel linguaggio ebreo antico?

Ultima modifica di 'ayn soph : 03-03-2010 alle ore 11.01.58.
'ayn soph non è connesso  
 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
I figli degli dei Ray Esoterismo 68 05-04-2012 00.38.14
La Lingua degli uccelli Kael Esoterismo 1 07-12-2008 19.19.14
Volo notturno di uccelli griselda Esperienze 2 28-07-2008 14.51.18
Microbiologia e Igiene degli Alimenti Mauro M Benessere fisico 9 12-06-2006 11.19.33


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 08.24.08.




Powered by vBulletin Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Questo sito non è, nè può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Il materiale pubblicato è sotto la responsabilità dei rispettivi autori, tutti i diritti sono di Ermopoli.it che incoraggia la diffusione dei contenuti, purchè siano rispettati i seguenti principi: sia citata la fonte, non sia alterato il contenuto e non siano usati a scopo di lucro. P.iva 02268700271